Covid-19. Dopo 140 mila test sierologici risulta positivo lo 0,5 per cento del campione

PISA – Grazie ai test sierologici rapidi la Toscana sta facendo emergere i casi di Covid-19 asintomatici: 50 positivi ogni 100 mila controlli, lo 0,5 per cento. I test, a carico della Regione e riservati alla categorie più esposte non servono dunque solo a meglio definire il quadro epidemiologico dell’emergenza sanitaria in atto, ma a tracciare anche un sommerso che altrimenti non emergerebbe e dunque a ridurre i rischi di contagio.

Per questo la Regione ha deciso di ampliare ulteriormente la platea dei destinatari.
I risultati, dopo le prime settimane di screening, e i numeri li comunica lo stesso presidente della Regione Enrico Rossi, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta oggi. La prima da settimane con i giornalisti in parte fisicamente di nuovo presenti ed altri ancora collegati via web.

Sono già stati fatto 100 mila test nella sanità pubblica – racconta – ed altri 40 mila attraverso i laboratori privati. Entro fine giugno arriveremo a oltre 400 mila. Gli esiti ci dicono che ogni 10 mila effettuati, trecento risultano positivi, il 3 per cento, ma di questi solo cinquanta, lo 0,5 per cento, risultano affetti da Covid dopo essere stati sottoposti a tampone”.

Con uno screening di massa, se le percentuali fossero confermate, vorrebbe dire che si potrebbero trovare in tutta la popolazione toscana qualcosa come almeno 15 mila positivi al momento asintomatici. I test restano volontari, anche quelli a carico della Regione.

Abbiamo lanciato questa campagna che non ha pari in Italia – sottolinea l’assessore alla salute, Stefania Saccardi – che ci consentirà di trattare in modo precoce i possibili contagi, per la loro salute ma anche riducendo la diffusione del virus”. L’esito del test sierologico rapido di acquisisce in pochi minuti. Dopodiché, chi risultasse positivo, dovrà chiamare un numero verde, 8006560, per sottoporsi al tampone. “Sarà effettuato in poche ore – assicura Saccardi – e al massimo in ventiquattro ore sarà comunicato l’esito”. Nel frattempo la persona dovrà naturalmente, in via precauzionale, evitare contatti con altre persone.

By