Una base da cui ripartire, per poter volare

PISA – La delusione c’è. È inutile nasconderlo, ma questo gruppo ha dato il massimo di quello che aveva e questo va riconosciuto. E allora perché non accettare il consiglio del nostro poeta Sandro Cartei che dopo la sfida pareggiata a Frosinone ha voluto lasciarci il suo ultimo pensiero prima di andare in vacanza.

Una base da cui ripartire, per poter volare

La truppa di Lucone è partita per l’ultima partita, a Frosinone
Ci aspetta una battaglia, sarà un partitone
Leggo la formazione, è la migliore, son convinto
Comunque vada, il Pisa, il suo campionato, l’ha già vinto

Il primo tempo è dominato, manca solo il gol, comincio a sperare
Inizia il secondo, partiamo coraggiosi, come solo noi sappiano fare
Vido avanza elegante, scarica per Siega, tocco di prima con eleganza
Marconi la schiaccia, alla sua maniera, e parte sfrenata, l’esultanza

Tano commette un fallo ingenuamente, è rigore, mi sento quasi male
Perilli intuisce, ma Ciano tira imparabilmente, e quel gol, ci sarà fatale
Non è finita, Robert lancia Tano, pallonetto, la palla rimbalza, piano
Base del palo ed esce fuori, il calcio, a volte, è proprio strano

Grazie ragazzi, grazie mister, fino in fondo ci avete fatto divertire
Avete fatto un grande campionato, non c’è niente da dire
Ora testa alta, questa è solo la base, per un futuro da programmare
Una base da cui ripartire, per poter, poi, finalmente, volare

Loading Facebook Comments ...
By