Le pagelle del Sole 24 ore: Pisa guadagna ben sette posizioni ed è terza in Toscana

PISA – Qualità della vita per le Province, Pisa guadagna 7 posizioni e va al 22° posto in Italia e al 3° in Toscana.

Pisa è all’8° posto per ambiente e salute. Al 7° posto per Asili Nido. Al 37° in Ecosistema Urbano, al 15° in Sanità, al 18° per la Formazione. Mentre è al 38° per longevità.

Male in sicurezza anche se in recupero di tre posizioni): al 91° posto rispetto al 94°del 2014. 101° per microcriminalità; meglio per le estorsioni (59°) e per le, frodi (45°).

Al 27° posto per tempo libero. Bene le librerie 7° e gli impianti sportivi 18°. Al 25° posto per attrattiva turistica. In Toscana Siena stabile al 9° e Firenze balza al 4°. Poi Pisa e dopo tutte le altre Province Toscane (27° Livorno, 30° Grosseto, 36° Arezzo, 40° Massa Carrara, 42° Prato, 53° Lucca, 56° Pistoia).

Il rapporto annuale sulla qualità della vita de “Il Sole 24ore”, giunto alla 26 esima edizione, si basa su 36 differenti classifiche relative ad altrettanti indicatori, raggruppati in sei differenti settori (tenore di vita, affari e lavoro, ambiente e salute, popolazione, ordine pubblico e tempo libero).

Ottima la 22^ posizione nel settore “Affari e Lavoro”. In particolare davvero eccellente la 7^ posizione nella classifica della imprenditorialità giovanile, con un più 9 posizioni rispetto al 2014. Il ruolo delle università del territorio è un fattore di traino, così come le politiche pubbliche di incentivo alla formazione di nuove imprese (infrastrutture, rete, spazi, agevolazioni della regione tramite GiovaniSì). Se c’è una classifica che fa guardare con ottimismo al futuro è questa.

Non buona, seppur in risalita di 3 posizioni, la classifica relativa all’ordine pubblico. L’incremento dei reati è molto limitato tant’è che su questa particolare sottoclassifica Pisa è al 36° posto. Ma l’insieme dei reati denunciati porta Pisa al 91° posto (dal 94° del 2014). Da un lato sono evidenti le criticità, segnalate e ascoltate recentemente anche dal Ministro dell’Interno, dall’altro è evidente l’alto tasso di civismo dei nostri concittadini che portano giustamente a denunciare tutti i fatti, cosa che non avviene in alcune parti d’Italia.

Bene gli indicatori relativi alla Popolazione che complessivamente vedono segnare un +16 posizioni in classifica. 7° posto nell’indice del tasso migratorio: segno di un’attrattività importante e di una inversione di tendenza; un indice che non riguarda solo l’attrattività di stranieri, ma anche quella di italiani (ad esempio studenti universitari o ex studenti che acquisiscono la residenza). Altissima classifica per quanto riguarda “Servizi e ambiente”: 8° posto, meno 4 posizioni ma sempre nei primi 10 posti della classifica. Spicca il 7° posto per disponibilità di asili nido. La città di Pisa contribuisce fortemente, con un dato oltre la media provinciale, considerando l’azzeramento da diversi anni delle liste d’attesa.

Nella parte alta della classifica anche per quanto riguarda il tempo libero: 27° posto con due posizioni guadagnate. Da notare il +6 posizioni nella sottoclassifica delle librerie: 7° posto e ingresso nella top ten. Bene anche l’indice di sportività (dalla 37^ alla 18^ posizione): Pisa città europea dello sport 2016 dimostra di essere una scelta azzeccata e in linea con le tendenze della società. Metà classifica per il settore Tenore di vita: 50° posto in gran parte dovuto al 93° posto nella sottoclassifica riferita al Costo della casa al metro quadro. Segno che la crisi edilizia, evidente e sofferta, ha colpito comunque meno che altrove. La sottoclassifica dei consumi per famiglia vede la nostra provincia al 10° posto: anche in questo caso un dato in controtendenza rispetto alla crisi. Ottimo il +13 posizioni (dal 35° al 22°) nella graduatoria del “valore aggiunto procapite”: un segno anche in questo caso di dinamismo e di valorizzazione di nuove idee imprenditoriali; un dato che si lega a doppio filo con quello dell’incremento consistente della imprenditoria giovanile.

LE PAROLE DI NERINI (Noi Adesso Pis@): Sulla classifica del sole 24 ore, interviene Maurizio Nerini, capogruppo in Consiglio Comunale di “Noiadessopis@”: “I numeri sono numeri… è chiaro come Pisa si viva bene con il 22 posto nella classifica (29° nel 2014 e 30° nel 2013) che ci va anche stretto. Ma il dato preoccupante è che siamo 91esimi su 110 per l’ordine pubblico e questo non è una novità , però ci hanno parlato per anni di sola” percezione dell’insicurezza”, quindi c’è una responsabiltà di chi ha tentato di nascondere una situazione sfuggita al controllo che ha radici in una falsa e pelosa accoglienza e che ha prodotto devastante effetto calamita su Pisa. Questo ci fa capire quanto l’azione di questi anni di Noi Adesso Pis@ si stata valida come denuncia, ma soprattutto come proposta: con le campagne come “E’ anche tuo” di riappropriazione degli spazi, oppure con proposte di maggiore controllo del territorio con agenti della Polizia Municipale reperiti attraverso lo strumento della mobilità interna, individuando attività e funzioni che potrebbero essere delegate ad altri uffici e figure amministrative, ma anche semplicemente con la richiesta dell’istituzione di un numero verde per chiamare il vigile di quartiere. Fare meglio si può e si deve, Noi Adesso Pis@ c’è!”.

By