La Cappella di Santo Stefano in Sardina … come una volta

CALCINAIA – L’antico splendore riaffiora dalle pareti della Cappella di Santo Stefano in Sardina. Passo dopo passo, i lavori di restauro promossi dall’amministrazione comunale di Calcinaia stanno infatti rendendo al gioiello architettonico settecentesco le originarie sembianze.

image

Dai colori, alle forme, passando per le opere artistiche contenute all’interno, tutto sta ritornando alla sua primigenia bellezza. Le operazioni di recupero, messe in atto dalla ditta Bianchi, sotto la direzione dell’architetto Jacopo Donati, sono proseguite senza sosta con ottimi risultati. Attualmente, gli intonaci esterni della cappella sono stati interamente ripristinati. A breve si procederà con la fase di tinteggiatura, utilizzando i colori originali tardo barocchi. Anche all’interno della struttura sono stati raggiunti notevoli progressi. Attraverso saggi stratigrafici, sono infatti state individuate le coloriture originali degli anni Sessanta del Settecento. Queste ultime saranno ripristinate nei prossimi mesi. Lo step successivo consisterà nella ricollocazione della tela risalente al 1767, già restaurata dalla dott.ssa Maria Teresa Leotta, grazie al finanziamento della ditta Birindelli. Si tratta di una straordinaria opera realizzata dal pittore Gaetano Maria Franchi, raffigurante il beato Arcangelo Canetoli. Vedere quanto prima la Cappella di Santo Stefano in Sardina interamente restaurata è dunque molto più di un auspicio. Tempo permettendo, la chiusura dei cantieri è infatti prevista intorno alla fine della primavera 2016.

By