Al Teatro Verdi di Pisa il 31 Dicembre c’è Alessandro Benvenuti. Concerto di Capodanno il 1° gennaio

PISA – Il 31 dicembre al Teatro Verdi di Pisa è all’insegna di un intramontabile cult di Alessandro Benvenuti: “Benvenuti in casa Gori”, prima parte della trilogia sulla famiglia Gori scritta con Ugo Chiti, ovvero la cronaca del pranzo di Natale che vede tutti riuniti a casa Gori

il novantenne Annibale Papini, Gino Gori il capofamiglia, sua moglie Adele e il loro figlio Danilo, Cinzia, la di lui fidanzata, Bruna secondogenita di Annibale, Libero, suo marito, Sandra, la loro figlia; Luciano, marito di quest’ultima e la piccola Samantha (il th è importante), frutto del matrimonio di Sandra e Luciano. E se nell’altrettanto celebre film che ne fu tratto i personaggi erano interpretati da alcuni fra i migliori attori della commedia cinematografica italiana, compreso lo stesso Benvenuti, sulle tavole teatrali invece, a dar corpo e voce a tutti e dieci, è lui solo, in una prova di strepitoso virtuosismo attoriale che si rinnova da più di vent’anni, sempre con il medesimo grande successo. Una bella occasione per passare l’ultima sera del 2015 a teatro, all’insegna del divertimento d’autore. Lo spettacolo inizia alle 22.15; a mezzanotte ci sarà il brindisi al nuovo anno. La serata è organizzata dalla LEG-Live Emotion Group; i biglietti (con prezzi che variano dai 51,50 ai 34,50 euro) sono in vendita al Botteghino del Teatro Verdi, nel circuito Vivaticket e nel circuito Boxol (punti vendita Coop compresi). Per il 1° gennaio, invece, l’appuntamento è in musica, con la 24^ edizione del Concerto di Capodanno: al Teatro Verdi alle ore 18. Organizzato e promosso, come sempre, da Comune di Pisa, Lions Club Pisa Host e Fondazione Teatro di Pisa, e sostenuto quest’anno dal Credito Valdinievole, il Concerto di Capodanno 2016 vede ancora una volta l’Orchestra Arché che, composta dai migliori giovani musicisti toscani, coadiuvati da professori d’orchestra provenienti da importanti Orchestre nazionali, ha segnato il proprio debutto proprio sulle tavole del Teatro pisano con il Concerto di Capodanno 2012, tornando poi ad essere protagonista sia dei Concerti di Capodanno successivi che di molte delle opere delle Stagioni Liriche. Sul podio torna il Maestro Francesco Pasqualetti, cui si deve la fondazione dell’Arché e che, com’è noto ora vanta una prestigiosa carriera internazionale: recentissimi il debutto con la BBC Philharmonic di Manchester, con la quale ha eseguito la II Sinfonia di Rachmaninoff, nonché i successi al Teatro La Fenice di Venezia con La Scala di Seta di Rossini e, in Francia, nella stagione sinfonica dell’Orchestre d’Auvergne.

Particolarmente ricco il programma del Concerto, che mette insieme celebre musica operistica italiana (le Ouvertures di Rossini da “L’Italiana in Algeri”, “La Cenerentola”, “Il Signor Bruschino”) e italo austriaca (le Ouvertures di Mozart da “Cosi fan Tutte” e “Le Nozze di Figaro” e anche, sempre di Mozart, il primo tempo della celeberrima serenata Eine Kleine Nachtmusic), con vari esempi di danze ungheresi( le n.1, 3, 10 di Brahms, le Csardas da “Il Lago dei Cigni” di Tchaikovsky e dall’opera comica di Johann Strauss “Ritter Pasman”). Come sottolinea Francesco Pasqualetti, “in fondo l’Impero Asburgico nella sua maturità si definiva Austroungarico: per una volta, quindi, guarderemo non solo alla tradizione puramente viennese ma anche a quella seconda anima profondamente presente a Vienna”. Come ogni anno, non mancheranno i bis di rito, alcune sorprese e i rametti donati alle spettatrici dai fioristi della Ascom-Confcommercio e della Confesercenti di Pisa.

I biglietti per il concerto costano 20 euro e sono in vendita al Botteghino del Teatro Verdi, nel circuito Charta-vivaticket e nei punti biglietteria al Porto di Marina di Pisa (uffici Vecchia Dogana) e al Palazzo dei Congressi. Il 1° gennaio, salvo esaurimento, sarà possibile acquistare i biglietti al Botteghino a partire dalle ore 17. Come ogni anno, il Concerto di Capodanno avrà finalità benefiche: su proposta del Lions Club Pisa Host il ricavato netto sarà devoluto al Gruppo di Volontariato Vincenziano Pisa Centro Cittadino, che fin dal 1947 si è sempre impegnato nel cercare di alleviare i problemi della povertà e della sofferenza realizzando interventi concreti per le famiglie in difficoltà nell’ambiente cittadino e delle periferie. Per informazioni tel 050 941111 e www.teatrodipisa.pi.it

By