Corsi gratuiti di autodifesa per la violenza contro le donne. Presentata l’iniziativa della Lega Nord

PISA – Questa mattina la Lega Nord ha presentato una iniziativa contro la violenza sulle donne con corsi gratuiti femminili di autodifesa.

In collaborazione con due palestre del territorio provinciale, la palestra kosmos di Ghezzano e la palestra noi sport di Castelfranco di Sotto, abbiamo attivato due corsi base di autodifesa articolati in quattro lezioni che partiranno a febbraio” – dice Susanna Ceccardi. “L’obiettivo è quello di dare strumenti utili alle donne di tutte le età che possono trovarsi in pericolo, magari tornando a casa tardi la sera o in un posto isolato. La sensazione di insicurezza nelle nostre città è crescente, per questo abbiamo deciso di fare qualcosa di concreto. Quando si parla di violenza alle donne molto spesso la risposta delle istituzioni è soltanto retorica. Difendersi è un diritto, e dobbiamo dare chi lo voglia gli strumenti per farlo. Gli istruttori Luciano amedei e Loris montevidoni spiegano che la prima cosa su cui interverrà il corso è l’atteggiamento psicologico da tenere in situazioni di pericolo. Molto spesso la paura pietrifica la vittima e non le dà possibilità di difendersi. Piccoli accorgimenti e tecniche base di difesa verranno fornite nel mini corso di quattro lezioni, aperto a donne di tutte le età. “Ci hanno già contattati alcune donne dell’area pisana che vivono in quartieri pericolosi come la stazione o Putignano ciò hanno subito aggressioni in passato. Quando il cittadino non si sente più al sicuro e le forze di polizia non ce la fanno a fronteggiare una criminalità in ascesa, è giusto che le donne abbiano la possibilità di sapersi difendere in caso di emergenza. È un piccolo gesto concreto che speriamo possa tranquillizzare qualche signora o semplicemente farla sentire più sicura di sé stessa.” Dice Susanna Ceccardi, consigliere comunale cascinese e promotrice dell’iniziativa. “Anche nel comprensorio del cuoio le aggressioni sono aumentate a dismisura negli ultimi tempi e tante signore si sono rivolte a noi impaurite e abbiamo pensato di contribuire così. In futuro stiamo pensando di attivare corsi anche per i ragazzi delle scuole vittime di bullismo. La paura di vivere nelle proprie città è il primo mostro da sconfiggere se vogliamo riappropriarcene” dice gustavo pagni, responsabile della lega nord del comprensorio del cuoio. Le iscrizioni sono aperte,Inumeri da chiamare sono specificati nel volantino per i corsi che partiranno a febbraio”.

By