Il Pisa fa harakiri, il Teramo espugna l’Arena: 2-1

PISA – Inaspetatta sconfitta del Pisa (1-2) che cade in un Arena gelida per mano del Teramo. Dopo il vantaggio di Crescenzi la formazione nerazzurro subisce la rimonta firmata da Di Paolantonio e Cruciani. I nerazzurri tornano a sei punti dalla Spal capolista.

di Antonio Tognoli

PRE GARA. Mister Gattuso schiera il classico 3-5-2. Rispetto all’undici iniziale di Prato una sola variazione. Eusepi fa il suo debutto al posto di Montella. Per il resto assetto invariato Davanti a Bindi ci sono Crescenzi, Rozzio e Polverini. Sulla linea mediana spazio a Ricci, Makris e Verna. Sugli esterni Avogadri e Mannini hanno il compito di spingere. In attacco Varela affianca Eusepi. Il Teramo conferma il 3-5-2. Mister Vivarini preferisce il nuovo acquisto Cruciani a Paolucci. In attacco il tecnico abruzzese scegli Petrella al posto di Le Noci (prossimo al trasferimento al Como) al fianco dell’attaccante ex nerazzurro Francesco Forte.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in completo nerazzurro, Teramo che si presenta all’Arena con il completo bianco con bordi biancorossi. Sono i ragazzi di Gattuso a dare subito alla gara brio e velocità. Al primo angolo a favore, ma soprattutto al primo tiro in porta il Pisa passa. Varela viene fermato in angolo da Scipioni. Dalla bandierina va Mannini che mette in mezzo un traversone al bacio. In area è Crescenzi a saltare più in alto di tutti e mettere alle spalle di Tonti e portare avanti i nerazzurri. Grande gioia per il numero tre del Pisa, alla sua prima realizzazione stagionale. Il Pisa sfrutta il buon momento giocando un buon calcio, soprattutto con le accelerazioni di Varela e Mannini. Il Teramo si rende pericoloso nelle azioni di rimessa, in una di queste Petrella riesce a trovare spazio nelle maglie nerazzurre e calciare dal limite con lo sinistro: la palla termina a lato non di molto del palo alla destra di Bindi, che poco dopo deve bloccare un destro di Di Paolantonio dai venti metri. Niente di particolarmente insidioso però per la porta nerazzurra sempre attenta Alla mezz’ora Varela delizia il pubblico con una gran giocata che sfocia in un assist per Eusepi a cui però non arriva la sfera per una scivolata provvidenziale di Speranza che si rifugia in angolo spiazzando il suo portiere e rischiando anche l’autogol. Al 35′ però arriva però in maniera inaspettata il pari degli abruzzesi: Cenciarelli serve con un filtrante al limite dell’area Di Paolantonio che sul settore dell’area di rigore a spazio per girarsi e concludete a rete: la palla leggermente deviata termina alle spalle di Bindi per l’1-1 della squadra di mister Vivarini. Il Pisa dopo il pari, accusa il colpo ed è il Teramo ora a far girare la palla e rendersi pericoloso. I nerazzurri si rivedono in avanti al 40′ con un cross dalla sinistra di Varela che attraversa però tutta l’area senza che nessun nerazurro intervenga. Il contro cross di Avogadri è preda di Tonti che anticipa Eusepi pronto a staccare in mezzo all’area. Al 41′ arriva anche il primo cartellino del match a carico di Verna. Dopo un minuto di recupero però la prima frazione si chiude sull’1-1 con un Pisa un po’ in sofferenza.

IL SECONDO TEMPO. Ad inizio ripresa i due allenatori ripropongono gli stessi undici che hanno iniziato il match. È il Teramo che tiene maggiormente il possesso della palla nei primi minuti del secondo tempo. La difesa nerazzurra si salva al 4′ su un incursione da sinistra di Petrella alla fine sventata da Rozzio. Il Pisa soffre le ripartenza abruzzesi, ma quando si affaccia dalle parti di Tonti fa paura (9′) con un sinistro di Varela dal limite dopo uno scambio con Eusepi, con palla che termina alta sopra la traversa. Al 12! Doppio cambio nelle file nerazzurre: dentro Cani per Eusepi e Montella per Verna. Un centrocampista in meno con Varela, Cani e Montella trio offensivo, Ma al 15′ è il Teramo a far tremare l’Arena con un sinistro ravvicinato dell’ex Forte che Bindi con una parata da campione devia in angolo. Il Teramo però sembra più squadra, i nerazzurri sembrano patire il passaggio al 4-3-3. Gli abruzzesi “gelano” ancor di più un Arena ghiacciata al 22′ quando sul terzo angolo del match il nuovo acquisto Cruciani trova il tiro al volo che termina nel sette alla sinistra di Bindi e bagna così come meglio non poteva il suo esordio in maglia biancorossa andando ad esultare sotto la Sud. Al gol del Teramo i nerazzurri rispondono (29′) con una punizione di poco alta sopra la traversa. Nel frattempo mister Vivarini fa fare il suo ingresso in campo a Moreo richiamando in panchina uno stanchissimo Petrella. Poco dopo anche Gattuso risistema l’assetto inserendo Peralta al posto di Mannini. È una partita a scacchi tra i due allenatori Vivarini inserisce infatti Cecchini al posto dell’autore del gol Cruciani. Al 37′ i nerazzurri si rendono pericolosi ancora su calcio piazzato con il destro di Ricci che però termina alto sopra la traversa. Il Pisa cerca in tutti i modi di trovare il pari, ma il Teramo si difende con ordine e al 40′ si rende ancora pericoloso con Forte che da buona posizione mette alto sopra la traversa. Mister Vivarini opera l’ultimo l’ultimo al 42′ inserendo Paolucci al posto di Cenciarelli. Il Pisa spinge alla ricerca del pari. Sono quattro i minuti di recupero concessi dal Sig. Strippoli, ma il Pisa non ce la fa a realizzare gol del pari e torna a sei punti dalla Spal.

By