Lega Pro, girone B: Teramo che sorpresa, Prato che flop

PISA – Turno favorevole alla capolista Spal che, superando tra le mura amiche il Rimini, vede dilatarsi il proprio vantaggio sulle inseguitrici per le contemporanee sconfitte di Pisa, Maceratese e Carrarese.

di Giovanni Manenti

Si accende la lotta playoff, con quattro squadre racchiuse nell’arco di due punti, grazie al ritorno alla vittoria di Pontedera ed Ancona. In coda, importanti passi avanti per Teramo e Santarcangelo, mentre si complica sempre più il cammino di Prato, Rimini e Lupa Roma, quest’ultima insidiata da un Savona che non intende arrendersi al proprio destino.

E’ necessario un “Eurogoal” di Luca Mora ad inizio ripresa, dopo aver sbattuto contro i pali della porta romagnola nel corso del primo tempo, per consentire alla Spal di superare la resistenza di un coriaceo Rimini e mantenere la vetta della classifica in attesa dei risultati delle dirette concorrenti. Risultati che all’orecchio dei tifosi estensi devono essere sembrati pari ad una dolce sinfonia una volta appreso della clamorosa sconfitta interna del Pisa da parte di un Teramo ordinato e ben disposto in campo che, anche con un pizzico di buona sorte sotto forma delle deviazioni in occasione delle reti realizzate, riesce a ribaltare il punteggio dopo che i nerazzurri erano passati in vantaggio in avvio con Crescenzi su azione di calcio d’angolo. Della sconfitta del Pisa non approfittano la Maceratese, pesantemente sconfitta per 4-2 a Savona e che sembra non riuscire più a ritrovare la strada della vittoria, così come la Carrarese che paga dazio alla voglia di riscatto di un combattivo Santarcangelo che fa sua la gara nella ripresa grazie alle reti di Ilari e Bardelloni. Ciò rende più avvincente la lotta per il terzo posto che dà accesso alla “post season” in virtù del ritorno al successo dell’Ancona dopo due stop consecutivi al termine di un combattutissimo confronto con il Prato che vede i dorici, in vantaggio di due reti e poi rimontati da Gomes e Gabbianelli, trovare lo spunto vincente con Cognigni (che con la doppietta sale a quota 6 nella classifica marcatori …) nel finale, così come il ritorno al goal di Scappini (e sono 15 …) consente al Pontedera di far suo i derby con il Tuttocuoio e continuare a sperare in un piazzamento “playoff”.

Perdono invece l’occasione per riportarsi a ridosso delle prime sia il Siena, che addirittura fatica al “Franchi” a rimontare lo svantaggio patito in avvio contro una buona Pistoiese in un match in cui, curiosamente, nelle azioni che portano alle reti di Rovini e Mendicino per l’1-1 finale, entrambi gli “assist” sono eseguiti con magistrali colpi di tacco, così come l’Arezzo che accarezza il sogno di espugnare il campo de L’Aquila grazie alla solita prodezza balistica dell’ex nerazzurro Luca Tremolada (giunto all’ottavo centro stagionale …) che trasforma da par suo un calcio di punizione poco dopo la mezz’ora di gioco, fallendo però il colpo del “Ko” in finale di tempo, facendosi respingere dal portiere abruzzese Scotti un calcio di rigore che avrebbe probabilmente chiuso i conti, viceversa riaperti dal pareggio al 70′ del folletto Sandomenico, bravo ad incunearsi nella difesa amaranto ed a superare Baiocco in uscita. Chi invece sta facendo della regolarità il proprio biglietto da visita è la Lucchese, vittoriosa d’autorità, grazie alle reti di Capitan Fanucchi ed Espeche, sul campo di una Lupa Roma che sembra aver perso lo smalto derivante dal cambio di allenatore (solo due punti nelle ultime cinque gare …), mentre i rossoneri stanno pian pianino scalando posizioni in classifica dopo l’incubo delle sei sconfitte consecutive tra ottobre ed inizio novembre ed ora distano “solo” sette punti dalla zona playoff …..Hai visto mai ……

LA SQUADRA DELLA SETTIMANA. Citazione di merito per l’impresa di giornata, vale a dire i tre punti conquistati dal TERAMO, che sbanca l’Arena Garibaldi infliggendo ai “Ringhio Boys” la seconda sconfitta interna della stagione, al termine di un incontro che la compagine di Vivarini ha condotto per larghi tratti dando dimostrazione di una padronanza di gioco che può far ben sperare gli abruzzesi per il prosieguo del Torneo. Superato lo schock della mancata promozione a tavolino, dovendo partire ad handicap sia per i sei punti di penalizzazione che per il calendario che lo vedeva disputare tre gare a settimana per gli iniziali rinvii delle proprie gare, il Teramo sembra aver ingranato la marcia giusta per togliersi dalle pastoie della zona salvezza e, se il neoacquisto Forte riuscire a dare in attacco quell’apporto di reti sinora mancato dopo la partenza del fenomenale tandem Donnarumma-Lapadula della scorsa stagione, siamo convinti che gli abruzzesi potranno rappresentare un osso duro nel Girone di ritorno per tutte le squadre che dovranno affrontarli ….

IL FLOP DELLA SETTIMANA. Quattro sconfitte consecutive, una vittoria che manca dall’1-0 nel derby con il Tuttocuoio del 5 dicembre scorso, fanno del PRATO il “Flop” del momento, avendo i ragazzi di De Petrillo dilapidato il “tesoretto” rappresentato dai 20 punti conquistati nelle prime quattordici giornate di Campionato, con una Classifica che viceversa li vede ora al quint’ultimo posto con i “cugini” della Pistoiese ad una sola lunghezza di distanza. Di positivo, resta il fatto che la squadra non sembra aver perso la propria identità, combatte sino all’ultimo come dimostrato anche ad Ancona nel recuperare un doppio svantaggio e poi di nuovo sfiorare la rete del clamoroso 3-3, però alcune disattenzioni difensive e la perdita di un giocatore di spessore come Chiricò stanno incidendo pesantemente sull’andamento del Torneo. E domenica prossima è alle porte un altro derby, con l’indecifrabile Siena …..

By