Parco San Rossore: le imprese del litorale incontrano i consiglieri regionali. Grassini: “Questione vitale per le nostre imprese”

PISA – ConfcommercioPisa chiama a raccolta le imprese del litorale pisano, stabilimenti balneari e strutture ricettive, pubblici esercizi e rimessaggi d’Arno, alla presenza dei consiglieri regionali pisani, invitati in un dibattito pubblico ad affrontare la questione dei difficili rapporti tra imprese ed Ente Parco San Rossore.

image

E’ ancora fresco il ricordo della manifestazione dello scorso novembre, quando un consistente numero di imprenditori del litorale pisano furono i protagonisti di una accesa conferenza stampa per denunciare pubblicamente l’atteggiamento vessatorio del Parco ai danni delle loro attività.

Una normativa rigida, un eccesso di burocrazia, richieste economiche penalizzanti per ottenere autorizzazioni a riqualificare, un groviglio spesso inestricabile di enti e tempi di risposta biblici, sono questi alcuni dei punti di maggior sofferenza che gravano sulle imprese del litorale.

L’incontro si svolgerà lunedì 1 febbraio all’interno della Sala Carrozza di ConfcommercioPisa, con inizio alle ore 9.30, in via Chiassatello, alla presenza di Antonio Mazzeo, presidente Commissione Toscana Costiera e dei consiglieri regionali Alessandra Nardini e Andrea Pieroni.

Sarà Federica Grassini presidente ConfcommercioPisa ad aprire il dibattito, seguita a ruota dagli interventi di Fabrizio Fontani, presidente ConfLitorale, Enrico Fontani (Sib Confcommercio), Emiliano Marchi in rappresentanza dei Porticcioli d’Arno e di tutti gli imprenditori che vorranno intervenire.

“Per molte delle nostre imprese i rapporti con il Parco sono una questione di vita o di morte” – spiega il senso dell’iniziativa Federica Grassini: “per questo abbiamo chiesto la disponibilità dei consiglieri regionali ad attivarsi concretamente affinché l’Ente Parco diventi protagonista e volano di sviluppo e non come adesso, un ostacolo alla crescita del nostro territorio”.

“L’ente Parco potrebbe dimostrare una maggiore e più ampia comprensione e disponibilità” – questo il commento di Fabrizio Fontani, presidente di ConfLitorale – “a recepire le istanze e le esigenze di chi opera sul litorale, nel rispetto dell’ambiente e con la necessità di fornire adeguati servizi e strutture ad una clientela sempre più esigente”.

By