Su il Sipario su “SpazioBono19”. Sabato l’inaugurazione

PISA – Si chiama “Spaziobono19” e sarà il nuovo centro di aggregazione per i giovani del centro storico di Tramontana, “ma anche un luogo in cui far incontrare e dialogare le tante anime di un quartiere complesso ma vivo, che pulsa nel cuore della città” spiega la Presidente della Società della Salute della Zona Pisana Sandra Capuzzi in occasione della conferenza stampa di presentazione del nuovo spazio.

Il conto alla rovescia, infatti, è agli sgoccioli: sabato pomeriggio si alzerà ufficialmente il sipario con la festa d’inaugurazione. “Vogliamo farne il punto di partenza per rilanciare una fruizione pubblica sana di Piazza delle Vettovaglie e delle vie limitrofe, convinti che proprio la presenza di iniziative partecipate dai cittadini sia l’antidoto migliore per allontanare quei diffusi fenomeni di microcriminalità e degrado che conosciamo – ha proseguito Capuzzi -. I protagonisti saranno i giovani, ovviamente, ma anche tutti coloro che vivono il quartiere: proprio per questo con i giovani costruiremo le modalità di gestione perché sia aperto alla partecipazione delle associazioni e di tutte le realtà più significative del quartiere”.

25mila euro circa l’anno per la gestione del progetto è l’investimento previsto di Società della Salute e Comune di Pisa, per un’iniziativa, gestita dalla cooperativa sociale “Arnera”, che permetterà ad adolescenti e giovani di organizzare eventi, iniziative, happening culturali, artistici e musicali (sia all’interno del locale che nella piazzetta antistante), partecipare a laboratori e percorsi formativi individuali e di gruppo, allo scopo di promuovere corretti stili di vita, di consumo e di divertimento.

Per il momento il centro, in cui saranno coinvolti tre operatori, sarà aperto il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15 alle 19, e il venerdì sera dalle 21 alle 24 (altre aperture saranno concordate in base alle richieste e alle collaborazioni che nasceranno). Nelle ore pomeridiane lo spazio aggregativo sarà un luogo di socializzazione multifunzionale, aperto e a disposizione dei gruppi giovanili, delle associazioni e dei singoli in base alle proposte e ai bisogni che emergeranno.

L’obiettivo delle aperture notturne è quello di promuovere corretti stili di socializzazione proprio in un quartiere, quello delle Vettovaglie che, oltre ad essere il centro della cosiddetta movida, è spesso teatro di episodi di degrado che restituiscono un’immagine negativa del divertimento giovanile. Anche a questo fine, nello Spaziobono19, attraverso l’uso gratuito di un etilometro, i giovani potranno valutare il proprio stato psicofisico in relazione all’uso e abuso di alcol al fine di prevenire i rischi correlati come la guida in stato di ebbrezza. Sarà distribuito materiale informativo e di prevenzione e offerte consulenze specifiche.

Lo spazio infine vuole anche favorire la convivenza e l’incontro tra le diverse componenti della scena urbana del centro storico, promuovendo una partecipazione attiva dei vari interlocutori: giovani, residenti, commercianti, forze dell’ordine, comitati cittadini.

“C’è una grande esigenza sociale di spazi di espressione giovanile – aggiunge Giuseppe Cecchi, direttore della Società della Salute – il ruolo delle istituzioni è quello di rispondere a questa domanda incanalandola in percorsi positivi. Questo è ciò che vogliamo fare con Spaziobono19, convinti che possa diventare un progetto pilota per altre esperienze simili”. La struttura, infatti, costituirà un nodo importante degli interventi rivolti alle fasce d’età giovanili e adolescenziali che già oggi comprende i centri “GiovaniLab” al Cep, “Agorà” a Vecchiano e “Spazio ai Giovani” a Vicopisano, il progetto “La Zattera” a San Giuliano Terme e l’unità di strada “In Biliko” che da oggi opererà in piazza Sant’Omobono e dintorni. Questi servizi nel 2015, hanno consentito d’incontrare ed entrare stabilmente in relazione con oltre 480 giovani e di contattarne altri due mila durante gli eventi.

Il sipario, come detto, si alzerà ufficialmente sabato pomeriggio (6 febbraio) con la festa di inaugurazione: alle 15 i giochi in piazza per bambini, quindi alle 17, l’iniziativa “Vota il logo Spaziobono”, la mostra delle proposte elaborate dagli studenti dell’istituto Russoli da votare per scegliere il logo del nuovo spazio. Alle 18, invece, la presentazione delle attività del servizio e alle 18.30 il via alle danze: prima musica acustica dal vivo e, poi partire, salle 22.30 il Dj set booker D. Amplificatori spenti entro le 24.

By