Pisa torna al successo (2-0) con il suo Colosso. Doppio Cani e l’Arezzo va al tappeto

PISA – Il Pisa torna a sorridere e con una doppietta di Edgar Cani batte per 2-0 l’Arezzo e torna secondo in classifica.

di Antonio Tognoli

(Foto Francesco BatoniVietata la Riproduzione)

Il Pisa in completa tenuta nerazzurra si schiera con il 3-5-2. Gattuso deve rinunciare a capitan Paolo Rozzio (la fascia passa a Mannini) e propone la difesa a tre con Crescenzi, Lisuzzo e Polverini. Centrocampo a cinque con la linea mediana occupata da Tabanelli (all’esordio dal 1′ in maglia nerazzurra), Ricci e Verna. Sugli esterni spazio ad Avogadri e Mannini. In attacco invece il tecnico nerazzurro sceglie la coppia Eusepi-Cani. Varela infatti è stato fermato da un problema ai flessori. Al 2′ su un calcio piazzato di Mannini dalla tre quarti Polverini spizza il pallone di testa facile preda di Baiocco. La risposta aretina è datata 7′ quando Tremolada prova dai sedici metri, ma il suo sinistro “piazzato” è bloccato a terra da Bindi. Sono i nerazzurri ad imprimere maggiore forza all’azione offensiva guadagnando due ghiotte occasioni con Eusepi al 11′ e al 13′. Nella prima il numero nove dopo una azione di forza impegna a terra con un destro Baiocco che blocca in due tempi, nella seconda l’ex ariete di Benevento e Salernitana non sfrutta un cross al bacio di Mannini dalla sinistra schiacciando di testa sul fondo. Il gol però è nell’aria e arriva puntuale al 18′ quando Eusepi trova il corridoio giusto per lanciare Cani, il quale si invola verso la porta entra in area e di destro batte Baiocco con un tiro rasoterra potente e preciso: 1-0 e l’Arena torna a gioire. L’Arezzo prova a reagire, ma il Pisa è molto ben disposto in campo e la squadra di mister Eziolino Capuano fatica a trovare spazi. Anzi sono i nerazzurri a mettere in difficoltà la formazione amaranto spesso costretta a salvarsi in affanno dalle sfuriate di Mannini e compagni. Nel finale del primo tempo infatti arriva il raddoppio. Mannini addomestica un buon pallone in area aretina, passaggio corto e di prima per Eusepi, che pesca Cani che con un pallonetto batte ancora una volta Baiocco: 2-0. Risultato meritato per la squadra di mister Gattuso con cui si chiude il primo tempo.

Ad inizio ripresa mister Capuano cambia subito mandando in campo Defendi al posto di uno spento Mendicino e Varano in luogo di Feola. Entrambi non hanno fornito una prova convincente nella prima frazione. Seppur la squadra inizi con gli stessi undici anche Gattuso al 4′ e al 6′ è costretto ad effettuare due cambi: fuori Tabanelli (problemi ad una costola) e Crescenzi. Al loro posto entrano in campo Provenzano e Fautario, che negli ultimi tempi hanno giocato ben poco, ma giocatori in cui il mister crede possano dare ancora tanto da qui alla fine della stagione. L’Arezzo si rende pericoloso nei primi minuti con una conclusione di Giuseppe Greco deviata in angolo da campione da Bindi. Pericolo scampato, sarà uno dei pochi verso la porta nerazzurra. Il Pisa invece va vicino al terzo gol in più circostanze, prima con un destro di Provenzano, poi qualche minuto dopo con un azione manovrata orchestrata da Mannini sulla sinistra che mette in mezzo un pallone che Eusepi spedisce sul fondo. L’Arezzo conquista una serie infinita di angoli, ma è Baiocco al 21′ a deviare sopra la traversa una bomba di Ricci dal limite dell’area di rigore. Per rivedere L’Arezzo dalle parti di Capece bisogna attendere il minuto 36. Dalla distanza per la formazione di Capuano ci prova Capece con la palla che termina abbondantemente a lato. A sei minuti dalla fine mister Gattuso effettua il terzo ed ultimo cambio: dentro Makris e fuori uno stanchissimo Ricci ricoperto di applausi. Nei tre minuti di recupero non succede niente. Il Pisa torna al successo dopo due sconfitte consecutive, torna secondo e costringe la squadra aretina al primo stop  esterno di questa stagione. Niente male.

By