Da Stravinskij all’America, al Teatro delle Sfide a Bientina giro del mondo in musica in due giorni

BIENTINA – La musica sotto i riflettori al Teatro delle Sfide di Bientina dove da Stravinskij all’America in due giorni (sabato 20 e domenica 21 febbraio) sarà possibile fare il giro del modo a cavallo delle sette note.

image

Con il concerto di David Zollo & the Body Electric e lo spettacolo “Histoire du Soldat” messo in scena da Jack and Joe Theatre e Accademia della Chitarra. Nel mezzo anche una curiosa pagina di teatro ragazzi della Compagnia Telluris Associati in “I cinque scapestrati”.

Si parte sabato 20 febbraio alle 21,30 con “Histoire du Soldat” di Stravinskij in una rilettura firmata dalla regia di Adriano Miliani, anche nei panni di attore insieme a Chiara Pistoia. Al loro fianco, diretti da Giovanni Sbolci, i musicisti: Roberto Cecchetti violino, Giuseppe Castaldi clarinetto, Raffaele della Croce tromba, Alessandro Papucci fagotto, Fabrizio Balest contrabbasso, Giacomo Montanelli trombone, Niccolò Chisci percussioni. Uno spettacolo di musica , teatro e danza, a cento anni dalla sua creazione, durante la prima guerra mondiale.

Histoire du soldat appartiene a quella categoria di capolavori che, nati sotto la spinta di impellenti necessità, trovano nella limitatezza dei mezzi a disposizione la loro più autentica originalità e grandezza. Furono infatti le forti ristrettezze economiche che spinsero Stravinskij, il poeta Ramuz e il direttore d’orchestra Ansermet, negli anni della Prima Guerra Mondiale, a concepire l’idea di un’opera di teatro musicale che potesse viaggiare agevolmente attraverso l’Europa in conflitto: nessun cantante, solo attori e ballerini, o all’occasione anche marionette; un ensemble strumentale che distilla le sonorità di una grande orchestra; una trama scarna ed essenziale, eppur profonda e senza tempo.

Domenica 21 Febbraio alle 21,30 tocca al concerto di “David Zollo & the Body Electric”. Con David Zollo piano e voce, Brian Cooper batteria, Alex J Corsi chitarra e voce, Andrea “Lupo” Lupi basso e voce, Stefano Sanguigni chitarra. La data fa parte dell’attuale tour italiano e svizzero.

Rappresentante di primo piano della vivace scena dell’Iowa, David Zollo è una leggenda del luogo. Grazie a un apprezzamento continuo da parte della critica e con un costante lavoro di maturazione solista, è oggi uno degli artisti di punta della Trailer Records. Nato essenzialmente come pianista bluesy è diventato un importante esponente del sound radicale e appassionante di un rock n’ roll ruspante e selvaggio, che a volte sterza in ballate dolenti e grigie, come a rimarcare le atmosfere delle small towns dove Zollo è cresciuto. Un artista sincero ed estremamente talentuoso.

Domenica 21 Febbraio alle 17,00 teatro ragazzi con Telluris Associati in “I cinque scapestrati”, di e con Cesare Galli. Aiuto regia di diletta Landi, musiche originali a cura di Respiro. Tratto da una fiaba tradizionale pugliese, all’insegna dell’ indipendenza, dell’avventura e dell’amicizia per bambini di ogni età.

Genitori esasperati, un figlio scavezzacollo, fughe dalla provincia, amici incredibili e ovviamente scapestrati, città da esplorare e regni da strappar via a principesse capricciose e saltimbanche: un’avventura picaresca che abita il teatro nel gioco scenico di un attore che si fa in cinque. Il viaggio dei protagonisti racconta di un mondo solidale, in cui ciascuno usa il proprio talento per la salvezza e il divertimento comuni. Il patrimonio popolare pugliese regala una storia di indipendenza e di sfida, in cui un gruppo di amici trova la forza nell’unione delle diversità e un senso nuovo per le loro vite”

Per informazioni: 328 0625881 – 320 3667354 – info@guasconeteatro.it – www.guasconeteatro.it. Biglietti: sabato 20 febbraio “Histoire du Soldat” € 10,00 Intero – 8,00 Ridotto. Domenica 21 febbraio concerto David Zollo ingresso unico € 10,00. Domenica 21 febbraio “I cinque scapestrati” bambini € 4,00 – adulti € 6,00.

Gli appuntamenti fanno parte delle 6 sfide che caratterizzano la programmazione del Teatro di Bientina per la stagione 2015/2016 a cura di Guascone Teatro.

By