L’eroe del “Mannucci”. Antonio Montella: “Il vento ha soffiato dalla parte giusta”

PONTEDERA – Uomo copertina della giornata del “Mannucci” di Pontedera e’ sicuramente l’attaccante Antonio Montella subentrato al 63′ ad Eusepi. Un giicatore importantissimo nell’economia della squadra di Gattuso.

di Antonio Tognoli

Gioca poco, lavora tanto e soprattuto si fa sempre trovare pronto, non con le chiacchiere e con le lamentele, ma con i fatti che in questo caso sono i gol, la cosa più importante, per mettere tutti a tacere nel calcio.

L’attaccante nerazzurro descrive il gol: “Il gol e’ nato da un fallo laterale battuto da Golubovic che Cani ha spizzato per anticipare Makris ho raccolto la palla di testa e ho messo dentro. Il vento ha soffiato dalla parte giusta. Bene così. È stata una grande gioia sono corso ad esultare sotto la Curva e poi alla fine mi sono accorto che l’arbitro aveva fischiato la fine”. Dall’euforia di inizio intervista si passa alle riflessioni un po’ più a mente fredda: “Questa squadra è forte perché ha una rosa ampia, c’è un unita’ di gruppo che fa sì che ognuno di noi titolare o riserva, sia al centro di questo progetto e i risultati ottenuti sono frutto del lavoro settimanale. Dobbiamo essere più continui, oggi abbiamo fatto meglio nel finale che all’inizio, tutti ci sentiamo titolari, ma su una rosa di 24 giocatori solo undici entrano in campo”. In una giornata in cui il Pisa non ha brillato giusto anche fare autocritica: “Il brutto è che bisogna sempre prendere gol per svegliarci, mentre invece dovremmo cercare di segnare per primi evitando di subire gol. Da qualche tempo siamo vulnerabili nei calci piazzati e dobbiamo cercare di migliorare in questo, anche oggi ci è andata bene in qualche circostanza”.

By