Lega Pro, girone B: la presentazione della 24esima giornata

PISA – La ventiquattresima giornata (settima del Girone di ritorno) ripropone il posticipo televisivo del lunedì sera, che vede impegnato proprio il Pisa nel derby con la Carrarese. Dei restanti otto incontri, cinque si giocano al sabato, con la gara delle 20,30 dedicata ad un altro derby toscano tra Prato ed Arezzo, e tre la domenica. Ecco il programma e la presentazione delle gare,

di Giovanni Manenti

Sabato 27 febbraio

Ore 15. L’Aquila – Tuttocuoio: Confronto delicatissimo che mette di fronte un’Aquila reduce dal successo di Savona, ma che deve ancora recuperare cinque lunghezze per uscire dalle “sabbie mobili” della zona salvezza cui l’ha relegata la pesante penalizzazione subita dal Giudice Sportivo ed un Tuttocuoio che ha la peggior serie negativa del Torneo, essendo giunto, nel derby con il Pisa, alla quinta sconfitta consecutiva, pur avendo dimostrato di non essere affatto in crisi di gioco per quel che ha fatto vedere sabato pomeriggio al “Mannucci”. Aver ritrovato, dopo sei giornate, la via della rete, potrebbe essere importante per i ragazzi di Mister Lucarelli nel ritrovare morale e fiducia in se stessi, senza scordare comunque che il campo abruzzese è difficile per tutti e che la formazione di casa è in serie positiva da cinque turni, potendo altresì contare su di un Sandomenico in stato di grazia (un goal ed un assist anche sabato scorso a Savona …).

Ore 15. Ancona – Lucchese: Il pareggio di Macerata di domenica scorsa ha consentito all’Ancona di mantenere vive le speranze di poter raggiungere i rivali marchigiani nella corsa al terzo posto utile per l’accesso ai playoff, mentre i rossoneri lucchesi devono cercare un successo che manca oramai da quattro turni e che è costato il nuovo avvicendamento in panchina con il ritorno di Francesco Baldini. Non sarà però facile raccogliere punti al “Del Conero” contro una formazione in serie positiva da cinque turni e che, all’andata, dette il via, con il successo per 2-1 a “Porta Elisa”, alla serie di sconfitte consecutive che portarono all’esonero proprio di Mister Baldini.

Ore 15. Pistoiese – Rimini: Incontro molto delicato per quanto attiene alla zona salvezza, in quanto il Rimini è riuscito a far bottino pieno nei due recenti incontri casalinghi con Siena e Pontedera e deve rendere visita ad una Pistoiese staccata di una sola lunghezza dai romagnoli ed anch’essa reduce dal buon pareggio nel derby di Lucca. Per i ragazzi di Mister Alvini una ghiotta occasione da sfruttare per sopravanzare i diretti rivali in classifica ed eventualmente approfittare di un ulteriore passo falso del Tuttocuoio a L’Aquila. Poiché in una graduatoria molto corta può contare a fine Campionato anche l’esito dei confronti diretti, una vittoria per gli arancioni sarebbe di vitale importanza dopo il pareggio per 1-1 raccolto all’andata.

Ore 17,30. Pontedera – Lupa Roma: Sino a qualche settimana fa l’avremmo definita, sulla carta, una delle gare dal pronostico più scontato, mentre ora, dopo le quattro sconfitte consecutive dei padroni di casa, diventa viceversa una gara da “vincere a tutti i costi” per Mister Indiani ed i suoi, onde recuperare una posizione più tranquilla in classifica. Di contro, la Lupa Roma, che sembrava spacciata, ha visto riaccendersi la fiammella della speranza con il successo interno di domenica scorsa sul Teramo e non deve però lasciare ulteriori punti per strada se vuole proseguire una sia pur ardua lotta per evitare i playout di fine stagione. Particolare interessante, il momento-no del Pontedera è coinciso con l’astinenza dal goal del “bomber” Scappini – tuttora leader della classifica cannonieri con 16 reti – e che proprio all’andata mise a segno tutte e cinque le reti che consentirono ai granata di espugnare per 5-2 il campo di Aprilia. Staremo a vedere.

Ore 20,30. Prato – Arezzo: La pesante sconfitta di domenica scorsa a Ferrara contro la capolista impone ai “lanieri” di riprendere a far punti nel derby casalingo contro l’Arezzo e poter sfruttare al meglio l’esito dei confronti diretti (L’Aquila-Tuttocuoio e Pistoiese-Rimini) previsti dal calendario e di cui conoscerà il risultato prima di scendere in campo. Avrà però di fronte un Arezzo che ha raggiunto una tranquilla posizione di medio-alta classifica con una sola sconfitta (0-2 a Pisa …) nel Girone di ritorno e che vorrà quindi confermare il suon buon momento per raggiungere il prima possibile la salvezza matematica. Da valutare, per i padroni di casa, le condizioni dell’attaccante Capello, uscito per infortunio dopo pochi minuti dall’inizio del match contro la Spal e la voglia di “vendicare” la sconfitta per 0-1 patita all’andata in quella che, all’epoca, fu la prima vittoria tra le mura amiche per gli uomini di Mister Capuano.

Domenica 28 febbraio

Ore 15. Siena – Spal: Quello che, alla stesura dei calendari, poteva (e, forse, doveva …) essere considerato un incontro chiave per la lotta al vertice, si è pian piano svilito di detto significato per colpa dell’altalenante torneo sin qui disputato dalla formazione senese, mentre la Spal ha confermato in pieno i pronostici che la vedevano tra le favorite della vigilia. Dovranno, comunque, i biancocelesti, stare attenti a non sottovalutare la voglia di rivincita dei bianconeri locali che, davanti al proprio pubblico, sono chiamati quantomeno ad una prova d’orgoglio per riscattare le due ultime deludenti uscite, culminate con altrettante sconfitte – entrambe per 0-2 – contro Rimini e Santarcangelo. E Maceratese e Pisa, che giocano entrambe dopo la capolista, sono lì ad attendere buone notizie dall’Artemio Franchi.

Ore 15. Santarcangelo – Savona: Gara da “ultima spiaggia” per il Savona che, dopo la sfortunata prova di sabato scorso con L’Aquila, deve cercare in tutti i modi di tornare a far punti al fine di evitare l’ultimo posto in classifica che determina la retrocessione diretta tra i Dilettanti a fine stagione. Troverà ad attenderlo, però, un Santarcangelo che, in questo inizio di ritorno, è tra le squadre più in forma, con tre vittorie ed un pareggio nelle ultime cinque giornate a fronte dell’unica sconfitta – e pure immeritata – subita all’Arena Garibaldi. Sull’approccio alla partita da parte delle due contendenti, influiranno senza alcun dubbio gli esiti delle gare disputate il giorno prima da Tuttocuoio, Lucchese e tra Pistoiese e Rimini nel confronto diretto, che potrebbero dare ulteriore slancio ai romagnoli padroni di casa per portarsi al di fuori della zona playout.

Ore 17,30. Teramo – Maceratese: Con il pareggio interno di domenica scorsa nel derby contro l’Ancona, la Maceratese, pur mantenendo i rivali a “distanza di sicurezza”, ha però visto dilatarsi a tre punti il distacco dal Pisa, secondo in classifica, ragion per cui cercherà di recuperare i punti persi sul “sintetico” del “Bonolis” di Teramo. Impegno, peraltro, tutt’altro che facile, visto che i padroni di casa sono l’unica squadra – assieme proprio alla Maceratese – ad avere il proprio campo imbattuto e devono altresì rispondere alla inaspettata sconfitta del turno precedente contro la Lupa Roma, onde evitare di venire “risucchiati” nella zona bassa della classifica. A vantaggio degli ospiti, la doppia assenza, nelle fila dei padroni di casa, di Cruciani e Scipioni, entrambi appiedati dal Giudice Sportivo.

Lunedì 29 febbraio

Ore 20. PISA – Carrarese: Per l’ennesima volta in questo Campionato, il Pisa scenderà in campo essendo a conoscenza del risultato delle proprie dirette avversarie, entrambe alle prese con non facili impegni esterni a Siena e Teramo, e con l’obbligo di allungare la striscia di tre vittorie consecutive se vuole ancora alimentare velleità di primato. Dovranno comunque stare attenti, i “Ringhio Boys”, alle insidie di una gara contro una Carrarese che sta disputando un Campionato di assoluto livello qualora si pensi alle difficoltà societarie, con il Club oramai ad un passo dal Fallimento. Si incontrano, oltretutto, le due formazioni che si sono nettamente staccate dal resto della compagnia nello specifico “Torneo del Granducato di Toscana” – riferito agli scontri tra le squadre della nostra regione – che ad oggi vede i nerazzurri al primo posto con 26 punti con gli apuani a due sole lunghezze di distanza a quota 24, mentre il Siena, terzo, è nettamente staccato avendo conquistato solo 16 punti e con una gara in più.

By