USB Vigili del Fuoco Pisa. La protesta davanti sede VVF di Pisa. Servono più vigili e il contratto scaduto nel 2009

PISA – I Vigili del Fuoco hanno manifestato davanti alla sede per la tutela dei cittadini perché ogni giorno ci sono in servizio solo cinque squadre in tutta la Provincia di Pisa. La protesta ha riguardato però anche altre questioni come il rinnovo del parco automezzi è quello del contratto di lavoro scaduto dal 2009.

LA SITUAZIONE. Due squadre che coprono non solo la città di Pisa ma anche il territorio a nord e a sud con i comuni di San Giuliano terme, Vecchiano, Calci, Fauglia, Orciano e Santa Luce; oltre ad una parte del comune di Cascina (fino a Navacchio) per un totale di 526 Km2 e una popolazione di oltre 170.000 abitanti. La terza richiesta di soccorso della zona RESTA IN ATTESA. Tre squadre presenti ogni giorno in provincia che coprono il territorio intorno a Cascina, Castelfranco e Saline di Volterra per una superficie totale di 1918 Km2 e un totale di 251.000 abitanti. Cinque Squadre che nel corso del 2015 hanno compiuto 6453 interventi. Cinque squadre di vigili del fuoco in servizio in questo momento coprono quindi una popolazione di 421.000 abitanti, con un rapporto VVF/abitanti di 1 vigile ogni 16840 abitanti contro una media europea di 1/1000, con 6 aziende a Rischio Rilevante D.Lgs. 334/99 e 1 azienda soggetta “normativa Seveso” in provincia. Nel 2016 è stato azzerato il fondo per i precari (il 40% dei pompieri di Pisa è precario). La media dell’età degli automezzi è di 20 anni. Ogni piccola micro emergenza i lavoratori sono costretti a turni doppi e richiami per garantire il soccorso alla popolazione, oltre alla mobilitazione continua di tutte le provincie toscane. La mancata professionalizzazione dei lavoratori del Corpo, in particolare i SATI i quali si ritrovano vittime di un Riordino e della Legge 252 e del DL 217/05; questi lavoratori vivono addirittura una carriera “al contrario” cioè salendo di qualifica hanno stipendi più bassi e non sono riconosciuti come lavoratori “Vigili del Fuoco”.

LA RICHIESTA. USB-VVF CHIEDE: ASSUNZIONE DEI PRECARI per riportare il livello del soccorso agli standard europei;

USCITA DAL MINISTERO DELL’INTERNO e la diretta collocazione sotto la presidenza del consiglio dei ministri per la riforma della protezione civile ed il superamento della legge 225, affinché il nuovo Corpo Nazionale di Protezione Civile si occupi di prevenzione, previsione e soccorso tecnico urgente per ridare al Paese il servizio sociale che i Vigili del Fuoco rappresentano e che invece è stato militarizzato dalla legge 252. CONTRATTO DI LAVORO SUBITO, SCADUTO DAL 2009.

By