Diego Checchi (Gazzetta Lucchese): “Il Pisa è l’avversario più difficile da affrontare, ma il più stimolante”

PISA – Il derby tra Lucchese e Pisa si avvicina. Abbiamo contattato Diego Checchi, collega del sito “Gazzetta Lucchese”, vicino alle dinamiche rossonere ormai da molti anni e che ringraziamo per la sua disponibilità.

di Maurizio Ficeli

Diego, quali sono gli umori nella città dell’arborato cerchio in attesa di questo derby con il Pisa?

“È ovvio che questa è una partita particolare, la gara dell’anno, dove la Lucchese, qualora riuscisse a far suo questo derby, potrebbe, anche se parzialmente, riscattare una stagione che è stata un po difficile per i colori rossoneri, ma anche con un pareggio e con una bella prestazione di gioco si alzerebbe il morale in casa lucchese”.

Lo scorso anno la Lucchese fece un bel campionato ed il Pisa stesso ne fece le spese perdendo 2 a 1 il derby di ritorno al Porta Elisa: cosa è cambiato rispetto al campionato scorso?

“Fare paragoni con lo scorso anno è quantomeno improprio, in quanto, nella Lucchese attuale sono rimasti solo cinque giocatori della passata stagione. Inoltre arrivare così a 9 gare dal termine, non è facile, perché sono stati cambiati ben tre allenatori, rendendo con questo i giocatori un po spaesati e timorosi, malgrado Galderisi stia mettendo tutto se stesso, ma non è facile e poi questa squadra è inferiore rispetto a quella della scorsa stagione: elementi come Forte, Degeri, Pizza, Raicevic o Risaliti, per citarne alcuni, fanno indubbiamente sentire la loro mancanza, inoltre Mingazzini non è stato benissimo, oltre a giocatori che vengono dalla serie D, quindi chiaramente tutte queste concause, hanno creato la situazione attuale. Ora nel derby di sabato prossimo mancherà anche Fanucchi, oltre a Mingazzini, ma sono certo che chi scenderà in campo al loro posto darà il massimo per fare bene contro il Pisa”.

Pisa che scenderà al “Porta Elisa” sulle ali dell’entusiasmo dopo la vittoria contro la Spal e con un seguito numeroso di tifosi: un giudizio sulla compagine nerazzurra?

“Io ritengo che il Pisa, ora come ora, sia l’avversario di questo campionato più difficile da affrontare, ma anche quello più stimolante. Difficile perché il morale del Pisa è a mille, stanno giocando bene e non vorranno sbagliare partita, perchè se la Spal dovesse fare risultato pieno, la lotta per il primo posto sarebbe quasi chiusa. Dall’altro lato, però per la Lucchese può essere stimolante, perchè giocare un derby contro un avversario del genere, potrebbe dare agli uomini di Mister Galderisi l’orgoglio e gli stimoli giusti per fare una prestazione importante: ecco perchè sarà una gara difficile e stimolante al tempo stesso. Da considerare poi il fatto che il Pisa dovrà sostituire Ricci, che fino ad ora ha sempre giocato, vediamo chi lo sostituirà fra Di Tacchio e Makris”.

Per concludere, Diego, a Pisa la prevendita dei biglietti sta andando a gonfie vele: come è la situazione a Lucca?

“Ad ieri sera (martedì a Lucca, come del resto mi risulta anche a Pisa, erano stati venduti circa 700 tagliandi, anche se non ci sarà da aspettarsi un “Porta Elisa” pieno. Penso che in totale gli spettatori si attesteranno sui 3.000 massimo 3.500. L’auspicio è quello di vedere una cornice festosa di pubblico da ambo le parti, anche con sfotto’, ma nella correttezza. Tutti ci auguriamo, che sia una vera giornata di Sport”

By