Sovranità sulle scritte in arabo in Piazza dei Cavalieri

PISA – In Piazza dei Cavalieri a Pisa sono comparse scritte in arabo che hanno deturpato l’antico e splendido palazzo. Il pensiero inoltratoci da Sovranità Pisa

“Tale avvenimento dimostra almeno due gravissimi fatti: il primo è che chi l’ha fatta manifestatamente se ne frega della nostra arte, cultura e patrimonio. La nostra identità che è fondamento della società è per questi vandali di lingua araba uno zerbino da calpestare. I nostri monumenti sono dei muri su cui scrivere frasi o parole che possono andare da semplice turpiloquio a minacce fino alla peggiore delle ipotesi ovvero a frasi inneggianti allo Stato Islamico. Pisa d’altronde è comparsa più volte nei video propagandistici di Daesh e dopo i tremendi fatti di Parigi e Bruxelles la guardia deve essere tenuta alta. Il secondo drammatico punto che mette in luce questo atto di vandalismo è la mancanza di sicurezza, nella nostra città. Chiunque sia stato ha potuto agire indisturbato con la consapevolezza che probabilmente resterà impunito”, sostiene Matteo Pacini , responsabile di Sovranità Pisa.

Un “j’accuse” che si rivolge direttamente all’amministrazione comunale, negligente, impreparata e colpevole. Cosa deve succedere perché qualcosa si muova? Di cosa ancora dobbiamo aver paura perché dei seri provvedimenti vengano presi?. “Si parla di accoglienza e di integrazione. Ecco questa è l’integrazione che quei signori nei loro palazzi dorati vanno tanto decantando. Non vi sono diversi tipi di integrazione, noi ci mostriamo deboli e come tali veniamo trattati. Solo il coraggio di mostrarci nuovamente degni della nostra storia e del nostro patrimonio può cambiare le cose” conclude Pacini.

Sovranità Pisa a nome suo e di tutti i cittadini pisani che hanno a cuore la sicurezza e la bellezza di Pisa, chiede all’amministrazione comunale di prendere seri provvedimenti in senso di sorveglianza e prevenzione. Con la speranza ma non la certezza che atti simili non si ripetano più.

By