Lega Pro, la griglia play-off. Oggi il campionato finirebbe così…

PISA – Rispetto a sette giorni orsono, sono rimaste invariate le squadre componenti la “griglia playoff”, ma ne è mutata la loro posizione all’interno, con conseguente modifica dei relativi abbinamenti.

Ciò è dipeso, per la definizione delle “migliori seconde”, dal secondo scivolone interno consecutivo del Bassano contro la Pro Piacenza, che relega i veneti al ruolo di “peggior terza” e dal mancato successo del Lecce (un solo punto in due gare interne), contro l’Akragas, con i salentini superati in classifica nel Girone meridionale dal Foggia, corsaro a Caserta. Detti ribaltamenti, all’ordine del giorno stante le minime distanze tra le squadre sia nei rispettivi raggruppamenti che nella posizione complessiva tra i tre Gironi, sono mutati tutti gli accoppiamenti dei Quarti con il Pisa, tuttora “miglior seconda” ad affrontare la Casertana, con gli altri abbinamenti che vedono l’Alessandria rendere visita al Foggia, il Bassano al Pordenone – unico abbinamento tra squadre dello stesso Girone – ed il Lecce alla Maceratese. Tutto invariato, invece, per quanto attiene alla Promozione diretta, con il Cittadella oramai in prossimità del traguardo in virtù dei 10 punti di vantaggio e la Spal che ha visto incrementarsi a 7 punti il distacco sul Pisa, mentre il Benevento mantiene le quattro lunghezze di vantaggio sulla coppia Foggia/Lecce in virtù del pareggio conseguito a Cosenza nel posticipo televisivo di lunedì sera. Infine, il mezzo passo falso dell’Ancona contro il Pontedera sembra pregiudicare in modo forse definitivo le residue speranze per i “dorici” di entrare nella griglia playoff quale una delle due “migliori quarte”, dovendo recuperare un divario di 3 punti dalla Casertana nelle ultime quattro giornate.

Direttamente promosse in Serie B:

CITTADELLA – Girone A – 66 punti; SPAL – Girone B – 64 punti e BENEVENTO – Girone C – 60 punti.

Accoppiamenti Quarti di Finale: (Gara unica sul campo della miglior classificata ed a cui accedono le tre seconde, le tre terze e le due migliori quarte classificate dei rispettivi gironi – ad oggi esclusa l’Ancona quale peggior quarta con 50 punti).

Gara a) – PISA – Girone B – 57 punti (miglior seconda) – Casertana – Girone C – 53 punti (peggior quarta);

Gara b) – Foggia – Girone C – 56 punti (seconda miglior seconda, a pari merito con il Pordenone, ma con una miglior differenza reti) – Alessandria – Girone A – 55 punti (miglior quarta, a pari punti con il Bassano, ma in svantaggio nel confronto diretto);

Gara c) – Pordenone – Girone A – 56 punti (peggior seconda) – Bassano – Girone A – 55 punti (peggior terza);

Gara d) – Maceratese – Girone B – 56 punti (miglior terza, a pari merito con il Lecce, ma con una miglior differenza reti) – Lecce – Girone C – 56 punti (seconda miglior terza, a pari merito con il Foggia, ma in svantaggio negli scontri diretti).

Accoppiamenti Semifinali: (Gare di andata e ritorno con partita di andata sul campo della peggior classificata alla fine della stagione regolare)

Semifinale 1 – Vincente gara a) (PISA – Casertana) c. vincente gara d) (Maceratese – Lecce);

Semifinale 2 – Vincente gara b) (Foggia – Alessandria) c. vincente gara c) (Pordenone – Bassano).

E’ evidente come, pur mancando solo 4 gare alla fine, questi accoppiamenti siano suscettibili di variazioni anche rilevanti nel corso delle prossime settimane a causa dei ridotti distacchi tra le dirette interessati (basti pensare al fatto che le tre “seconde” sono divise da un solo punto, mentre per decidere la “miglior terza” si è dovuto ricorrere alla “differenza reti” a parità di punti …) e noi saremo ben lieti di evitarvi calcoli ed alchimie varie, proponendovi puntualmente, giornata dopo giornata, ogni logico cambiamento prima di arrivare, al prossimo 8 maggio, alla definitiva stesura della “Griglia Playoff”.

By