Lega Pro, girone B: la presentazione della trentunesima giornata

PISA – La trentunesima giornata del girone B (quattordicesima del Girone di ritorno) vede equamente ripartiti gli incontri in Calendario (quattro al sabato e cinque la domenica …), senza alcun posticipo televisivo, con il programma che si apre con la gara tra Savona e Lupa Roma alle 14 di sabato 16 aprile, per poi concludersi nel tardo pomeriggio di domenica 17 con il delicato derby in ottica salvezza tra Tuttocuoio e Prato. Ma andiamo a presentare nel dettaglio gli incontri.

di Giovanni Manenti

Sabato 16 Aprile.

Ore 14. Savona – Lupa Roma: Partita che avrebbe potuto significare l’ultima speranza di raggiungere i “playout” per il Savona qualora la Lupa Roma non avesse, sabato scorso, ribaltato nei minuti di recupero il risultato che la vedeva soccombere tra le mura amiche contro l’Arezzo, mantenendo il vantaggio di nove punti nei confronti dei liguri. Pertanto, qualora i “ciociari” dovessero uscire indenni dal “Bacigalupo”, si avrebbe il primo verdetto stagionale con la matematica retrocessione del Savona tra i Dilettanti, essendo in svantaggio nel confronto diretto, causa la sconfitta per 1-2 patita all’andata.

Ore 15. Carrarese – Maceratese: Una Maceratese rilanciata dal successo interno sul Tuttocuoio, nonché dalle speranze di penalizzazione a carico del Pisa in ottica secondo posto (ed anche, di conseguenza, di miglior seconda dei tre Gironi …), dovrà comunque vedersela con una Carrarese che sta onorando al meglio il proprio Campionato, mettendo in palio in questo finale di stagione la lotta per il quinto posto con le altre toscane Pontedera e Siena, per un piazzamento di indubbio prestigio. Per gli apuani vi è, oltretutto, l’occasione di riscattare la pesante sconfitta per 1-4 subita all’andata.

Ore 20.30. Santarcangelo – Rimini: Delicatissimo derby regionale in ottica salvezza che mette di fronte due squadre entrambe reduci da due sconfitte, ma se quella dei padroni di casa a Ferrara poteva essere messa e in preventivo (e dove comunque i gialloblu di Mister Zauli non hanno sfigurato di fronte alla Capolista …), lo stop interno del Rimini contro il fanalino di coda Savona costringe i ragazzi di Mister Acori a cercare di rimediare sul terreno di un Santarcangelo oltretutto piuttosto prolifico in attacco con la ritrovata vena del duo Guidone/Margiotta. E poiché, avvicinandosi i verdetti di fine stagione, anche il computo dei confronti diretti inizia ad essere determinante, ulteriore “tegola” per i biancorossi riminesi è costituita dalla sconfitta interna per 0-1 patita all’andata, motivo in più per cercare di far propria l’intera posta.

Ore 20,30. Arezzo – Pistoiese: Per un Arezzo reduce dalla brucante sconfitta esterna contro la Lupa Roma ed a digiuno di vittorie da sei turni, si presenta l’occasione per “chiudere” anche dal punto di vista aritmetico la questione salvezza e poter programmare la prossima stagione, con Mister Capuano che si gioca la conferma in questo Finale di Campionato. Avrà peraltro di fronte una Pistoiese assetata di punti, il cui pareggio interno di domenica scorsa contro la Carrarese è costato la panchina a Mister Alvini, rilevato da Bertotto, e che deve cercare di “puntellare” una classifica che la vede appena ai margini della zona playout.

Domenica 17 Aprile

Ore 15. Pisa – Pontedera: Incontro che più delicato non potrebbe presentarsi per un Pisa ancora rammaricato per l’esito del derby di sabato scorso al “Porta Elisa” che ha portato come “strascico” la squalifica per due giornate comminata dal Giudice Sportivo a Crescenzi ed in trepida attesa per la sentenza di primo grado della Procura Federale in merito al deferimento per il “caso fideiussione”. Dovrà essere molto bravo Mister Gattuso a mantenere la calma all’interno dello spogliatoio e la relativa concentrazione dei giocatori in vista, oltretutto, di un derby contro un Pontedera in ottima salute e reduce da 10 punti nelle ultime quattro giornate e che non nasconde le proprie ambizioni di cercare di chiudere la stagione al quinto posto, così come il “Bomber” (nonché ex della contesa …) Scappini non vorrà lasciarsi sfuggire l’occasione di laurearsi Capocannoniere dell’intera Lega Pro.

Ore 15. Ancona – Spal: Contemporaneamente al match dell’Arena Garibaldi, si affrontano al “Del Conero” nel più importante incontro della giornata un Ancona cui le notizie che giungono da Roma in merito alla proposta penalizzazione a carico del Pisa non potranno che portare nuovo entusiasmo alla compagine di Mister Cornacchini ed una Spal che, di contro, considerati i possibili punti in meno a carico dei nerazzurri e l’insidiosa trasferta della Maceratese a Carrara, potrebbe in caso di successo festeggiare la Promozione diretta in B con tre giornate di anticipo. Vi sono pertanto tutti gli ingredienti per assistere ad una gara ad “alta tensione”, anche perché gli estensi vorranno cercare di sfatare la loro caratteristica di non riuscire a vincere contro le migliori squadre del Girone (due sconfitte, tra andata e ritorno, sia con Pisa che con Maceratese, e pareggio interno con l’Ancona nel girone ascendente).

Ore 15. L’Aquila – Siena: Partita quasi da “ultima spiaggia” per un Aquila a digiuno di vittorie da ben sette turni e la cui sconfitta di domenica scorsa a Prato è costata la panchina a Mister Perrone, rilevato nel ruolo da Giacomo Modica. Per gli abruzzesi non ci sono alternative, servono solo i tre punti e l’avversaria sembra la più adatta per riuscire nell’impresa, in quanto al “Tommaso Fattori” scende un Siena che oramai non ha più nulla da chiedere al proprio Campionato se non una platonica corsa al quinto posto che la vede rivaleggiare con Pontedera e Carrarese che la precedono nell’ordine.

Ore 15. Teramo – Lucchese: Con il pareggio conseguito in extremis a Siena sabato scorso – dopo aver rimontato dallo 0-3 all’intervallo – gli abruzzesi hanno potuto archiviare con largo anticipo l’obiettivo minimo stagionale di una tranquilla salvezza, cosa per la quale, viceversa, deve ancora lottare una Lucchese rinfrancata più nel morale che non nella classifica, dal combattuto pareggio conseguito nel derby con il Pisa. La politica dei “piccoli passi” messa in atto dai rossoneri – tre pari nelle ultime tre uscite – può portare positivi risultati in virtù degli scontri diretti previsti nell’odierno turno, ma è indubbio che conquistare i tre punti vorrebbe dire mettere una seria ipoteca sulla permanenza in Lega Pro, pur senza dimenticare che il “Bonolis” di Teramo è, al pari di quello della Maceratese, l’unico terreno inviolato del Girone.

Ore 17,30. Tuttocuoio – Prato: La giornata si chiude con l’incontro tra due toscane reduci da due opposti risultati che ne hanno ridotto le distanze nella parte bassa della classifica. Da un lato, difatti, i padroni di casa hanno subito due consecutive sconfitte esterne che hanno in parte vanificato il vantaggio sulla zona playout acquisito con i sei punti conquistati nei due turni precedenti, mentre dall’altra parte il Prato ha ritrovato morale e speranza in virtù del ritorno al successo tra le mura amiche sconfiggendo domenica scorsa L’Aquila in un vero e sproprio “match spareggio”. Peraltro, anche in virtù della buona prova fornita a Macerata, sulla carta si fa preferire il Tuttocuoio di Mister Lucarelli, ma si sa bene – e lui per primo ne è consapevole – delle insidie che nascondono questo tipo di gare nella fase più delicata della stagione .

By