Da venerdì 22 Aprile al 1 Maggio torna l’Agrifiera a Pontasserchio

PONTASSERCHIO – Anche quest’anno, dal 22 aprile al 1 maggio, il borgo di Pontasserchio sarà animato dalle tante iniziative che si terranno in occasione della 108esima edizione di Agrifiera

L’ingresso è gratuito per tutti nei giorni feriali, nei festivi e prefestivi il costo del biglietto è di 4 euro, gratis inoltre per bambini fino a 10 anni e over 70. La nota manifestazione dedicata all’agricoltura e all’ambiente si svolge all’interno del Parco della Pace di Pontasserchio, che per l’occasione ospiterà numerosissimi eventi, laboratori e spazi dedicati agli espositori.MNon mancheranno convegni e dibattiti, dedicati al territorio e non solo. Un programma ricco di novità, che ha come obiettivo la riscoperta del mondo dell’agricoltura e dell’ambiente.

L’evento nasce dal lavoro di squadra dell’Amministrazione comunale, del Comitato Agrifiera, della società partecipata GeSTe, di Slow Food – Condotta di Pisa e Monte Pisano e la promogestione di Alter Ego Fiere. Lo scopo è quello di far rivivere la tradizione e avvicinare il pubblico alla cultura rurale, con uno sguardo rivolto allo sviluppo e all’innovazione. Con questi propositi, l’Agrifiera, si propone di raggiungere, per quest’anno, le 150.000 presenze. Il borgo di Pontasserchio ospiterà anche numerose attività che animeranno lo spazio fuori fiera: la seconda edizione del Gioco del Ponte per sabato 23 aprile si concluderà con la cena in borgata, ci sarà il concerto lirico nella chiesa di Pontasserchio il 28 aprile. Al teatro Rossini, venerdì 29, andrà in scena “L’Osteria della speranza”, a cura dei Teatranti per Diletto.

Ancora i mercatini dell’artigianato e MotoINfiera previsti per il 30 aprile. Gli spazi della fiera sono organizzati per ospitare nel settore commerciale 150 aziende selezionate. Lo spazio circostante il Padiglione commerciale ospiterà invece i tradizionali settori legati al florovivaismo, alla zootecnia, al giardinaggio, all’agricoltura e macchine agricole. Altre aree di interesse sono l’Agriinfesta, dove si terranno spettacoli ed esibizioni e l’area ristoro Agrilocanda. Anche per quest’anno è prevista la presenza di una delegazione di Bad Tölz, località bavarese gemellata con quella di San Giuliano.

ORARI E INGRESSI: Dal 22 aprile al 1 maggio, dalle 10 fino alle 21. Nei giorni 23, 24, 25, 29, 30 aprile fino alle 24 solo per lo spazio Agriinfesta. Il 24, 25 aprile e 1 maggio dalle ore 14,00 è attivo il servizio bus navetta dai parcheggi di San Giuliano Terme.

GIORNATA DEL TERRITORIO. Il 24 aprile, in occasione della giornata del territorio, tutti i residenti del Comune di San Giuliano Terme entrano gratuitamente, presentando all’ingresso un documento valido che ne attesti la residenza. Con questo ingresso agevolato, l’amministrazione intende risolvere il problema del mancato recapito di alcuni dei biglietti omaggio verificatosi lo scorso anno.

Tantissimi eventi dedicati a grandi e piccini.

Le novità non mancano all’interno dello spazio fieristico, che vede un notevole incremento dei produttori del settore agroalimentare: 24 aziende a km0 saranno affiancate da altri stand di prodotti d’eccellenza sia del territorio pisano sia di altre regioni italiane come il pomodoro pachino, il tartufo e il riso piemontese. In risalto la realtà produttiva dei 7 comuni del Monte Pisano: Capannori, Lucca, Buti, Calci, San Giuliano Terme, Vecchiano e Vicopisano. Uno spazio sarà dedicato ai laboratori sulla preparazione del cibo, con cucina della tradizione locale e estera. Attività ed eventi animeranno l’Agrifiera tutti i giorni: ci saranno l’area Agrihorse e l’Agriranch, dedicati alle associazioni equestri, zoofile e cinofile, la mostra delle carrozze, la Fattoria didattica per i più piccoli.

Lo spazio Agriinfesta ospiterà il Laboratorio di Origami per grandi e piccini, organizzato dall’associazione culturale italo giapponese MIRAI e il “Laboratorio della Creatività” che realizza oggetti in ceramica, a cura dell’associazione di Promozione sociale “L’Alba”. Nell’Agrinfesta si alternano balli ed esibizioni di arti marziali per tutta la durata della manifestazione. L’Agrilocanda offre un servizio di ristorazione di qualità, che prevede l’utilizzo di prodotti di filiera corta per la preparazione di alcune pietanze. Uno spazio importante sarà dedicato all’allevamento e alle mostre zootecniche, con l’esposizione di esemplari di razze pregiate, bovine ed equine, come il Mucco Pisano, il Toro di razza Chianina e i cavalli spagnoli. In questa occasione, i bambini potranno salire a cavallo. Varie botteghe rurali illustreranno le arti e gli antichi mestieri: ci sarà la Bottega del legno, la Bottega della pietra, la Bottega del Cestaio, la Bottega dello scultore, la Bottega degli aquiloni. Inoltre, quest’anno ci sarà uno spazio dedicato alla fitoalimurgia, con tisane, oleoliti, piante officinali e vari laboratori. Tutto questo e molto altro all’Agrifiera di Pontasserchio, dove l’amore per la tradizione incontra la cultura del territorio e l’idea di uno stile di vita sano e sostenibile. Alle ore 16,30 si terrà l’inaugurazione Ufficiale con le autorità, accompagnata dalla cerimonia di apertura con gli sbandieratori “I Vessilli pisani”. Nell’area Agrihorse si svolgerà la mostra permanente di Carrozze antiche e moderne, ci sarà la Fattoria Didattica e la Sfilata del Toro Razza Chianina vincitore del Premio Regionale di Morfologia di Diego Stiaccini. Nella zona associativa vedremo le dimostrazioni di Mascalcia a cura del Maestro Stefano Falaschi. Dalle 16,30 alle 19, nello spazio Agridog ci sarà l’Avvicinamento al mondo del cane a cura di Luca Profeti. Nello spazio Agriinfesta, dalle 17 alle 19, si terranno laboratori di origami a cura dell’associazione culturale italo giapponese MIRAI.

By