Lega Pro, girone B: la presentazione dell’ultimo turno della regular season

PISA – L’ultimo turno di Campionato, il diciassettesimo del Girone di ritorno, va a concludere la Stagione Regolare, dopo che il Raggruppamento Meridionale gioca sabato 7 maggio e quello Settentrionale alle ore 15 di domenica 8 maggio, mantenendo la contemporaneità delle gare che andranno tutte e nove in scena alle ore 18. Ma andiamo a presentare nel dettaglio tutti gli incontri.

Domenica 8 maggio – Ore 18

Lucchese – Carrarese: Al “Porta Elisa” va in scena un derby che ci auguriamo serva a festeggiare degnamente una salvezza che sino a qualche giornata fa sembrava in pericolo e viceversa raggiunta con una giornata d’anticipo per i rossoneri locali e, dall’altro, il Campionato al di sopra di ogni più rosea speranza disputato da una Carrarese che, oltre a mettere in mostra forse il miglior gioco del Girone, potrebbe ancora aspirare, in caso di successo, ad un significativo quarto posto qualora l’Ancona – con cui è in vantaggio nel confronto diretto – non dovesse fare bottino pieno a Siena. Sarebbe sicuramente il giusto riconoscimento per i ragazzi di Mister Remondina, sicuramente una delle più liete sorprese della Stagione.

Lupa Roma – L’Aquila: Incontro il cui obiettivo è sin troppo scontato, in quanto essendo entrambe le Formazioni già sicure di disputare i “playout”, il relativo esito servirà esclusivamente a definirne la posizione per il conseguente abbinamento. Difatti, i ciociari distano tre punti dagli abruzzesi ed, in caso di successo, li appaierebbero in Classifica al terz’ultimo posto. Avendo però perso il match di andata per 1-2, per la Lupa Roma – nettamente in svantaggio quanto a “differenza reti” rispetto a L’Aquila – si impone una vittoria con almeno due reti di scarto; ogni altro risultato sancisce L’Aquila al 16. e la Lupa Roma al 17. posto in Graduatoria.

Rimini – Arezzo: Dopo la schiacciante vittoria di domenica scorsa al “Del Conero” di Ancona, per il Rimini si presenta l’opportunità di riuscire ad evitare in extremis gli spareggi salvezza a scapito di una tra Pistoiese, Santarcangelo e Tuttocuoio, a condizione, ovviamente, di far sua l’intera posta nell’ultimo incontro casalingo contro un Arezzo che non ha più alcun obiettivo di Classifica. Ottenuti i tre punti, per scongiurare i playout basta che una sola tra Pistoiese o Santarcangelo non vinca o, qualora entrambe dovessero fare risultato pieno contro Pisa e Maceratese (difficile, ma non si sa mai …), la stessa cosa avvenga per il Tuttocuoio impegnato a Ferrara, nei cui confronti, a parità nei confronti diretti, deve però recuperare una differenza negativa di due reti e quindi una vittoria con il minimo scarto non sarebbe sufficiente a garantire la salvezza diretta.

Pistoiese – PISA: L’aver buttato al vento una salvezza sicura con la sconfitta di sette giorni orsono sul campo del Savona, pone la Pistoiese con l’obbligo di far sua l’intera posta onde evitare – in caso di probabile vittoria del Rimini contro l’Arezzo e di mancata sconfitta del Santarcangelo a Macerata – di dover passare attraverso le “forche caudine” dei playout per mantenere la Categoria. Sicuramente, l’andamento dell’incontro potrà essere condizionato dalle possibilità o meno per il Pisa di migliorare la sua attuale condizione di “peggior seconda” nella “Griglia Playoff”, sulla base dei risultati già maturati negli altri due Gironi ed, in particolare, dall’esito della sfida tra Juve Stabia e Foggia, ritenendo improbabile, sulla carta, una mancata vittoria interna del Pordenone degli ex Strizzolo e Mandorlini sul Giana Erminio, nei cui confronti il Pisa ha anche un “saldo negativo” di tre reti (+20 per i friulani, +17 per i nerazzurri …). Insomma, ci sarà da stare in guardia sino all’ultimo minuto.

Siena – Ancona: Classica partita di fine stagione tra due delle squadre più deluse dall’andamento del Campionato, essendo i padroni d casa del Siena partiti con ben altre ambizioni pian piano scemate nel corso del Torneo ed i “Dorici” che avevano viceversa cullato nelle prime fasi del Girone di Ritorno la speranza di poter accedere alla “post season”. Di sicuro, non ci aspettiamo spalti gremiti.

Maceratese – Santarcangelo: Partita anche questa, alla pari di Pistoiese-Pisa, su cui potranno incidere i risultati maturati negli altri due Gironi che avranno già ultimato il loro programma, nel senso che, qualora il Bassano faccia risultato a Reggio Emilia ed una tra Lecce e/o Casertana vinca il proprio incontro casalingo, qualsiasi risultato ottenga la Maceratese, essa sarà sempre relegata al ruolo di “peggior terza” nella “Griglia Playoff”. E’ ovvio che il Santarcangelo, al quale un pareggio potrebbe bastare ad evitare gli spareggi salvezza a condizione che la Pistoiese non superi il Pisa, essendo in vantaggio sui toscani nel confronto diretto, si augura che si verifichi tale circostanza, potendo sperare in una formazione biancorossa meno motivata e più con la testa a preparare al meglio il Quarto di Finale dei playoff.

Spal – Tuttocuoio: Finale di Campionato ancora tutto da giocare per i neroverdi, ai quali anche un pari sul campo della oramai promossa Spal potrebbe non essere sufficiente ad evitare i playout. Ciò in quanto, essendo terminati in parità i confronti diretti con il Rimini quint’ultimo, la discriminante diventa la differenza reti, che attualmente vede il Tuttocuoio a -8 ed i romagnoli a -10. Ovviamente, dando per scontata la vittoria del Rimini sull’Arezzo (il che è tutto da dimostrare …), saranno decisivi anche gli esiti delle gare che vedono impegnate la Pistoiese contro il Pisa ed il Santarcangelo, di scena a Macerata. Basta che una sola delle due non vinca e con un eventuale pareggio a Ferrara la salvezza è conquistata.

Pontedera – Teramo: Altra gara che vede di fronte due squadre che non hanno più nulla da chiedere al Campionato, avendo raggiunto i rispettivi obiettivi di una tranquilla salvezza con valorizzazione dei giovani per il Pontedera (che può anche vantarsi di avere tra le proprie fila il Capocannoniere assoluto di tutta la Lega Pro, vale a dire il centravanti Scappini ad oggi a quota 24 reti …) e di aver superato un difficile avvio di stagione, con mancata ammissione alla B, relativa penalizzazione ed incontri posticipati, per un Teramo che, tra l’altro, al lordo dei tre punti di penalità, avrebbe appena un punto in più del Pontedera, a dimostrazione del sostanziale equilibrio di forze tra le due compagini.

Prato – Savona: Per un Prato al quale, con gli otto punti conquistati negli ultimi quattro turni di Campionato, si è improvvisamente riaccesa la fiammella della speranza di una salvezza diretta senza passare attraverso i “playout”, incombe l’obbligo di conquistare i tre punti e poi verificare l’andamento delle gare che coinvolgono le altre squadre interessate nella lotta per non retrocedere, ben consapevole che anche una vittoria potrebbe non essere sufficiente ad evitare gli spareggi salvezza. Occhio, però, a non sottovalutare un Savona che sta onorando appieno il finale di Campionato – con tre vittorie e due pareggi nelle ultime cinque giornate è la squadra più in forma della bassa Classifica – e che spera ancora nell’accoglimento del ricorso presentato per una riduzione della penalizzazione per poter disputare a propria volta i playout.

 

By