“Strade sicure”. Giovedì a Pisa il Convegno Anci. Filippeschi: “15 militari in più, un aiuto significativo”

PISA – Sicurezza nelle città e lotta ai comportamenti che creano degrado. Giovedì a Pisa si terrà il convegno nazionale Anci sulla proposta di legge Alfano, con l’intervento del viceministro Bubbico.

“E’ un aiuto significativo e un nuovo segnale di attenzione, dovuto all’azione concorde delle istituzioni e alle istanze che vengono dalla nostra comunità. Insisteremo nel chiedere il potenziamento degli organici delle forze dell’ordine, assolutamente necessario. Lo faremo giovedì prossimo quando sarà a Pisa il viceministro Filippo Bubbico a parlare della nuova legge sulla sicurezza urbana nel confronto promosso dall’Anci”, così il sindaco Filippeschi commenta l’annuncio dell’arrivo a Pisa di 15 militari in più per il progetto “Strade Sicure” Sicurezza, i Sindaci chiedono allo Stato più impegno e regole più efficaci. Se ne parlerà a Pisa con il viceministro Filippo Bubbico. Appuntamento giovedì prossimo, 12 maggio, alle ore 10.30, presso l’auditorium della Prefettura di Pisa, per il convegno nazionale Anci sulla sicurezza urbana. Tra i partecipanti, oltre al viceministro all’interno, il presidente regionale dell’Anci e sindaco di Prato Matteo Biffoni, sindaco di Prato, il prefetto di Pisa Attilio Visconti, il sindaco di Pisa e delegato Innovazione tecnologica e attività produttive Anci Marco Filippeschi, l’assessore Sicurezza urbana e Polizia Municipale di Firenze Federico Gianassi, il Sindaco di Piacenza e Presidente Forum Italiano Sicurezza Urbana Paolo Dosi, il sindaco di Reggio Calabria, Subdelegato Gestione dei beni confiscati e Legalità Anci Giuseppe
Falcomatà

Si discuterà della proposta di legge che il Ministero dell’Interno ha discusso con ANCI per la sicurezza urbana che prevede maggiori poteri ai Sindaci ed alle Amministrazioni Comunali per fornire nuovi strumenti di lotta e di contrasto nei confronti di quei comportamenti che causano degrado come l’abusivismo nei parcheggi, le ripetute infrazioni alle regole di esercizi e commercianti abusivi che promuovono l’abuso di alcoolici, i vandali che scrivono sui muri, la contraffazione e l’abusivismo commerciale, nonché misure di intervento verso i luoghi che,
per la loro situazione di degrado, favoriscono l’insorgere di fenomeni che contrastano con leggi e con il diritto alla sicurezza dei cittadini.

By