13 Marzo 2017: cento giorni all’esame di maturità. E le regole cambiano in corsa

PISA – Da oggi, lunedì 13 Marzo inizia il countdown per migliaia di studenti. Tra cento giorni infatti li attende l’esame più difficile e più atteso: quello della maturità. Proprio nei giorni scorsi la notizia della proposta arrivata in Commissione Istruzione della Camera per cui basterà il 6 per essere ammessi.  La decisone finale però spettera al Consiglio di Classe.

E come ogni anno anche a Pisa molti studenti si riverseranno in Piazza dei Miracoli divenuta e una vera “metà di pellegrinaggio” per toccare il portafortuna della Lucertola della nostra cattedrale.

Ed è proprio di pochi giorni fa la notizia che basterà la media del 6 per essere ammessi alla maturità. Una richiesta in questo senso è arrivata in Commissione Istruzione della Camera che ha svolto nell’ultimo mese circa 70 audizioni. La proposta pare incassare quindi un favore trasversale da parte di tutte le categorie della scuola, anche se non sono mancati i professori che hanno storto la bocca. A confermare la nuova tendenza, che rivede quanto deciso solo pochi mesi fa la presidente della Commissione di Montecitorio Flavia Nardelli – come si legge su lastampa.it “Da quanto abbiamo ascoltato nel corso delle audizioni non pare giusto non ammettere alla maturità uno studente che ha un 8 in una materia e magari un 4 o un 5 in un’altra; ma è bene ricordare – sottolinea Nardelli, parlamentare dem – che la decisione finale spetterà al consiglio di classe, che potrà valutare positivamente o meno il `recupero´ di apprendimento di ogni singolo studente e quindi la sua ammissione”. Questo nuovo orientamento, osserva, «fa perno sul senso di responsabilità della scuola, in linea con lo spirito della legge 107, la cosiddetta Buona Scuola, e a me personalmente sembra un orientamento dettato dal buon senso”.

By