3,5 mln per antichità etrusche e romane, c’è anche Volterra

PISA – Andrea Pieroni e Alessandra Nardini, consiglieri regionale Pd, commentano lo stanziamento di 3,5 milioni di euro dei fondi Por Fesr per antichità etrusche e romane nei siti di Volterra, Cortona, Baratti e Populonia, previsti nell’intesa tra Regione e Ministero sui beni culturali firmata ieri.

“Una buona notizia e una scelta significativa per il patrimonio culturale di Volterra. Nell’accordo siglato ieri tra Regione Toscana e Mibact per la valorizzazione e promozione dei beni culturali, è prevista anche una linea di finanziamento di 3,5 per le antichità etrusche e romane tra le quali rientra, insieme ai siti di Cortona, Baratti e Populonia, anche Volterra. Non possiamo che esprimere soddisfazione per l’impegno che Regione e Governo stanno mettendo in campo al fine di valorizzare i beni culturali e artistici del nostro territorio, ricordiamo anche i 5 milioni già previsti dall’Accordo per il completamento del Museo delle Navi di Pisa. Le risorse che la Regione Toscana ha scelto di destinare attraverso il Por Fesr ai siti segnati da vestigia etrusche e romane, dovranno essere integrate, per 1,5 mln di euro, dai soggetti coinvolti nel territorio e sostenute da progetti specifici, così come prevede la normativa in tema di fondi europei. Dunque, adesso tocca al Comune di Volterra saper cogliere e finalizzare al meglio tale opportunità. Un’occasione che può trasformarsi in motore di sviluppo, creare occupazione nuova e di qualità. La Val di Cecina sta attraversando un momento di grande difficoltà economica, causate da profonde crisi aziendali, la cultura può diventare una delle armi di riscatto. Le potenzialità del nostro territorio sono tante, le scelte di Governo e Regione vanno in questa direzione, ora tocca agli attori del territorio metterle a frutto”.

By