Pd. Otto candidati pisani a sostegno di Orlando

PISA – Sono otto i candidati pisani schieratisi al fianco di Orlando.

 

Si identificano in: Francesco Nocchi, Alessandra Nardini, Andrea Pieroni, Alessandra Mazziotti, Michelangelo Betti, Giulia Deidda, Rino Bellucci e Sara Giannotti.

A sostegno dell’assemblea nazionale del Partito Democratico, organismo la cui composizione deriverà dai risultati ottenuti dai tre candidati alla segreteria nazionale nelle primarie aperte del 30 aprile, ci sono i pisani di cui sopra.

Alessandra Nardini, coordinatrice provinciale della mozione Orlando commenta :«Otto candidati con diverse esperienze, storie e sensibilità. Questa ė la nostra ricchezza, donne e uomini che danno voce ai vari mondi della società: amministratori, militanti del Partito, sindacato. Ma anche rappresentanza ai territori della nostra provincia: Valdera, area pisana, Valdarno, Val di Cecina. La nostra mozione vuole ricostruire un partito inclusivo, una comunità politica che torni ad essere la casa di tutte e tutti. Abbiamo voluto ribadire questo messaggio nella composizione della lista per l’assemblea nazionale.

Una proposta politica alternativa a quella dell’attuale maggioranza, che crediamo abbia dimostrato tutti i suoi limiti nella gestione del partito a tutti i livelli, mostrandosi sorda alle critiche costruttive di chi, come noi, da tempo chiedeva più umiltà nel riconoscere alcuni errori compiuti.

La vocazione maggioritaria del Pd non può e non deve trasformarsi in isolamento e rottura dei rapporti con tutti quei mondi per cui dovremmo essere naturali interlocutori.

Vogliamo ricostruire un dialogo con il mondo del sindacato, dei lavoratori, della scuola, dell’associazionismo. Vogliamo tornare nelle piazze, nelle fabbriche, nelle scuole, nelle università. Lì deve stare la politica. In questa campagna congressuale abbiamo rimesso al centro ciò che dovrebbe essere il tratto distintivo del più grande partito di centrosinistra del nostro Paese e dell’Europa: la lotta per l’uguaglianza e l’attenzione costante al tema del lavoro».

By