Alessandro Scarpellini fra i vincitori del premio letterario “Giorgio La Pira”

PISA – Alessandro Scarpellini, poeta e narratore pisano, è stato premiato al Palazzo dei Vescovi a Pistoia per il racconto “12 Agosto 1944” alla 33° giornata internazionale della pace e della cultura.  La storia parla della strage di Sant’Anna di Stazzema, un monito contro ogni guerra e sopraffazione degli uomini su altri uomini. Questa è la motivazione della qualificata Giuria del Premio Internazionale “Giorgio La Pira” che gli ha assegnato il secondo premio per la sezione narrativa: “Il maestro interruppe il racconto di una storia di guerra, la storia della ritirata di un esercito, quello di Maramaldo e dei suoi compagni. Ricorda che in questa terra mite arrivarono le SS tedesche. Molti uomini scapparono, i più deboli rimasero insieme a donne e bambini, fiduciosi e in virtù di un’etica che in guerra, purtroppo, è spesso disattesa. La data che dà il titolo al racconto è tristemente nota, insieme al dolce nome di una santa, Sant’Anna di Stazzema. Il protagonista del racconto è il maestro del paese. L’autore non si sofferma sulla tragedia purtroppo a tutti molto nota, ma riesce a farla rivivere con parole-simbolo. Il maestro che ritorna al paese dopo il crepitio delle mitragliatrici e l’acre odore di carne combusta: è lui l’attore nominato dallo scrittore, è lui che fa rivivere anche le centinaia di persone, adulti e bambini, trovati senza vita al suo ritorno. Una storia tragica, la cui data si aggiunge alle date di vergogna segnate dalla guerra”.

L’autore , che conduce ovunque laboratori di scrittura, ha recentemente pubblicato “Altra Gente di Pisa” (MdS Editore) insieme al pittore Enrico Fornaini oltre ad aver partecipato a libri quali “Favolare” e “Pisa vituperio delle genti” (MdS Editore), “Vietato calpestare i sogni” (Carmignani Editrice), “La casa del sorbo selvatico” (Erickson live). Molteplici e varie le sue collaborazioni con musicisti, artisti, orafe, registi e coreografe.

 

By