Accordo sottoscritto con le organizzazioni sindacali sui conti del Comune

PISA – Un accordo che assume particolare rilevanza, sia dal punto di vista politico che sociale, quello sottoscritto presso la Sala delle Baleari di Palazzo Gambacorti, fra l’Amministrazione Comunale e le Organizzazioni sindacali CGIL CISL ed UIL, della Provincia di Pisa, avente per oggetto il ruolo di rappresentanza da parte di queste ultime in ordine ai conti del Comune attraverso tre fasi distinte, vale a dire la stesura del Bilancio preventivo, il confronto durante l’esercizio e quindi il Bilancio consuntivo.

di Giovanni Manenti


Un accordo siglato dal Sindaco Michele Conti per quel che concerne l’amministrazione comunale ed altresì sottoscritto per la CGIL da Maria Borsò, Segretaria Provinciale di Pisa, per la CISL da Giorgia Bumma, che ricopre analoga carica e per la UIL da Angelo Colombo in qualità di Coordinatore territoriale, che rappresenta la prosecuzione di analoga iniziativa assunta con la precedente Giunta con a capo il Sindaco Marco Filippeschi, pur se concretizzatasi solo nell’ultimo anno della sua legislatura.

Ovviamente soddisfatto il Sindaco Michele Conti, il quale ha tenuto a sottolineare: “Si tratta di un importante accordo con le organizzazioni sindacali che prevede una serie di ristori che vanno a favore delle classi meno abbienti, gli anziani, i più deboli ed i poveri della nostra città, aspetti che hanno sempre visto la vicinanza della nostra Amministrazione, sia nell’attuale periodo di emergenza sanitaria che in quello precedente, come dimostrano la riqualificazione di numerosi alloggi delle Case Popolari, nonché altre forme di aiuto diretti sotto l’aspetto economico quali i buoni alimentari ed i Bonus Bebè, e l’accoglimento di alcune proposte sindacali inserite nel corpo dell’accordo vanno proprio in questo senso, fornendo una risposta concreta a beneficio soprattutto degli anziani e dei soggetti affetti da disabilità, attraverso il ristoro di bollette e TARI per il 2020 ed introducendo nuovi parametri di calcolo di quest’ultima per il 2021. Il fatto che i rappresentanti delle tre sigle sindacali”, conclude il primo cittadino, “abbiano manifestato il loro apprezzamento per l’attività svolta dalla presente Giunta, credo che stia a significare come, quando un Sindaco è chiamato ad amministrare una città importante come la nostra, debba essere in grado di trovare la sintesi con tutti ed in condizione di dare le dovute risposte ai cittadini, ed in questo contesto noi abbiamo oltre il 30% dei residenti con un’età superiore ai 65 anni e quindi con maggiori problematiche di fragilità, nonché una larga fetta della popolazione in difficoltà per effetto del protrarsi delle limitazioni dovute alla pandemia, ragion per cui queste fasce di cittadini hanno bisogno di fatti concreti e non di promesse, cercando di non lasciare indietro nessuno“.

Il pensiero delle organizzazioni sindacali su cosa rappresenti, dal loro punto di vista, la sottoscrizione dell’accordo, viene riportato da Maria Borsò, Segretario Provinciale CGIL Pisa, che afferma: “Si tratta di un qualcosa di significativo sia quale punto di arrivo, in quanto giunge al termine di un percorso di incontri e di ricostruzione di relazioni sindacali che per un periodo sono state un po’ abbandonate, mentre adesso vi è stata, sulla base di una piattaforma di emergenza, una condivisione circa la necessità nonché l’urgenza di stabilire risorse per sostenere le famiglie maggiormente in difficoltà, così che questo accordo assume un risalto particolarmente significativo non solo per i contenuti ma anche per l’aspetto politico che rappresenta, per poi doversi considerare altresì un punto di partenza in quanto noi abbiamo già avviato dei tavoli specifici su temi fondamentali quali la condizione delle persone anziane, al pari di quella di genere, dei lavoratori e dei servizi e degli appalti poiché si tratta dei tre nodi della nostra società che sono maggiormente in sofferenza


Per quel che riguarda l’estensione del presente accordo ad altre Amministrazioni della Provincia“, conclude Maria Borsò, con alcuni Comuni abbiano già siglato analogo accordo anche per quest’anno, mentre per altri siamo ancora in attesa di avere un incontro con i rispettivi Sindaci e quanto sottoscritto questa mattina con il Comune di Pisa, Capoluogo a livello provinciale, non può che rappresentare un valido punto di riferimento da far valere nei confronti di coloro che si dimostrano più recalcitranti od in ritardo sotto questo versante“.

By