Acque spa: pubblicato il bilancio di sostenibilità

PISA – Il bilancio di sostenibilità è uno strumento di pianificazione e controllo strategico che analizza l’operato di un ente o di un’azienda valutandolo, oltre che dal punto di vista dell’efficienza economica, sulla base degli aspetti etici, ambientali e sociali. Questa valutazione è resa possibile dalla definizione di indicatori-obiettivo, di valori e di principi ispiratori. Acque SpA, il gestore idrico del Basso Valdarno, e il suo gruppo – per il quinto anno consecutivo – ha elaborato e di recente pubblicato il Bilancio di Sostenibilità riferito all’anno 2012. Attraverso di esso Acque SpA si dota di uno strumento che serve a rafforzare il confronto con i portatori d’interesse e con il territorio, per poter rendicontare e testimoniare la propria “responsabilità sostenibile”, fornendo i contenuti e gli strumenti necessari per essere valutati. Come lo scorso anno, il Bilancio di Sostenibilità 2012 viene pubblicato in versione digitale, interamente navigabile: un vero e proprio sito web, estremamente intuitivo e semplice da consultare, disponibile anche in versione-stampa, per dare comunque la possibilità all’utente di poter scegliere. La pagina è raggiungibile dal sito www.acque.net o direttamente all’indirizzo http://sociale.acque.net. È stato inoltre riproposta una versione sintetica e divulgativa del Bilancio – il così detto abstract – per permettere una maggiore diffusione e fruibilità, disponibile anche in versione cartacea in migliaia di copie presso gli uffici di Acque SpA. Dal Bilancio e dall’abstract emergono con chiarezza alcuni dati relativi alla gestione di Acque SpA nel 2012 e già resi noti nel corso dell’anno: dalla fortissima propensione di Acque SpA agli investimenti (che hanno raggiunto quasi 49 milioni di euro) sia in termini assoluti che in rapporto alla tariffa (l’utente del Basso Valdarno “investe” per il 43,4% della propria bolletta contro il 23,9% della media nazionale) alla riduzione delle perdite sulla rete idrica (in dieci anni dal 29,7% al 24,6%); dall’aumento dei controlli sull’acqua erogata (oltre 330mila parametri determinati nel 2012 contro 228mila del 2010) alla riduzione della spesa per l’approvvigionamento energetico; dai risparmi economici per le famiglie grazie ai fontanelli (in 4 anni erogati gratuitamente oltre 58mila metri cubi di acqua di alta qualità, per un contro valore in acqua minerale stimato in 13 milioni di euro) al costante miglioramento degli indicatori nel rapporto con gli utenti (voto medio degli utenti è di 7.4, il 92% degli utenti si dichiara soddisfatto del servizio, si riducono i reclami e i tempi di risposta).

By