Noi Adesso Pisa: “Le attività di recupero crediti sono una giungla assoluta e le banche e le finanziarie non possono pensare di essere al di sopra della legge”

PISA – I consiglieri di Pisa Diego Petrucci e Maurizio Nerini e di Cascina Valerio Lago, insieme all’assessore Sonia Avolio ed al coord. di Noi adesso Leonardo Sbrana hanno presentato sabato mattina la mozione “Contro lo stalking bancario” che chiede ai comuni di istituire “uno “sportello” di sostegno e/o consulenza a favore di quei soggetti che si ritengono vittime di attività illecite e/o illegittime messe in atto da soggetti che operano nel recupero crediti, anche avvalendosi della collaborazione di associazioni di consumatori ed in generale soggetti dell’associazionismo, del volontariato e del terzo settore”.

E ‘ giunta, così, anche a Cascina, Pisa e San Giuliano la battaglia di autunno di Terra Nostra e di Giorgia Meloni – raccolta sul territorio dal movimento civico Noi adesso – contro le banche e le agenzie di recupero crediti a cui queste e le finanziarie spesso si affidano.

Le modalità messe in campo da i così detti “recuperi crediti” sono sempre più aggressive e sempre più spesso fuori dalle norme, servono delle regole chiare e, soprattutto, delle sanzioni severe per chi abusa. Siamo ormai al punto che dalle telefonate sfinenti e minacciose più volte al giorno ed anche in orari serali si è arrivati alle visite a casa, anche di sera: “esiste un codice di procedura civile, ci si attenga a quello – altrimenti si è in una giungla!”.

Alla proposta di legge presentata dal gruppo parlamentare di FdI a firma dell’on. Walter Rizzetto e di Giorgia Meloni e scritta proprio da Diego Petrucci, supportata anche da una raccolta di firme, fanno adesso seguito mozioni presentate nei consigli comunali di tutta Italia, per chiedere che il reato di stalking sia esteso ed aggravato dallo stolkeraggio messo in atto nel recupero crediti”.

By