Agli Arsenali Repubblicani le investiture delle cariche del Gioco del Ponte

PISA – Si è svolta nel pomeriggio di sabato 24 marzo presso il suggestivo scenario degli Arsenali Repubblicani la cerimonia di investitura delle cariche del Gioco del Ponte che avrà luogo il prossimo 30 giugno.

di Giovanni Manenti

Introdotta dall’Assessore alle Manifestazioni storiche Federico Eligi la cerimonia ha visto salire sul palco, per ricevere le investiture direttamente dalle mani del Sindaco Marco Filippeschi, il Generale Matteo Baldassarri ed il Luogotenente Carlo Alberto Bellagamba per la parte di Tramontana, cui hanno fatto seguito i Magistrati, Alessandro Trolese (San Michele), Fabio Mezzetti (San Francesco), Daniele Cionini (Calci), Francesco Ciacchini (Santa Maria), Stefano Toni (Satiri) e Marco Rossetti (Mattaccini) ed i relativi capitani.

Per la parte di Mezzogiorno, le investiture sono state ricevute dal Generale Dario Del Punta ed il Luogotenente Massimo Catastini , cui hanno fatto seguito i Magistrati Tommaso Conte (Leoni), Alessandro Narducci (Sant’Antonio), Valentino Vanni (San Martino), Michele Paradiso (Dragoni), Alberto Di Lupo (Delfini) e Massimo Cioli (San Marco) ed i relativi capitani.

Infine, medaglie ricordo sono state consegnate a personaggi storici del Gioco del Ponte, coloro i quali hanno contribuito alla ripresa della manifestazione a far tempo dal 1982, tra cui, in particolare, Edo Lupi, Roberto Balestri ed Umberto Moschino solo per citare alcuni dei più rappresentativi.

Ringrazio chi ha organizzato questo appuntamento“, afferma Marco Filippeschi – sono contento di vedere una grande partecipazione anche e soprattutto giovani il che vuol dire che abbiamo seminato bene e che il Gioco del Ponte avrà un futuro. Sono altresì felice di essere qui in questa struttura che abbiamo avuto il pregio di restaurare e valorizzare per il valore monumentale della nostra città e che deve renderci tutti orgogliosi e sono altresì felice di vedere la passione che tante persone mettono affinché le nostre manifestazioni storiche siano sempre migliori e più affascinanti“, conclude il primo cittadino.

By