Agrifiera. Il Gioco del Ponte di Pontasserchio

PONTASSERCHIO – Un’altra giornata del territorio l’ennesima, che ha confermato il profondo legame di Agrifiera con Pontasserchio e la sua comunità.

Come da tradizione, per il quarto anno, si è svolto il Gioco del Ponte di Pontasserchio, ormai inserito a tutti gli effetti nelle manifestazioni storiche del territorio. Tanto che l’associazione, che sta per compiere il secondo anno di vita, viene ormai regolarmente invitata ai cortei storici di Pisa.

E anche quest’anno, dopo il corteo per la borgata di Pontasserchio e le strade limitrofe, i figuranti e i combattenti hanno occupato per intero piazza Togliatti (di fronte al Teatro Rossini), disponendosi attorno al celebre carrello.

La sfida del 2018 ha visto imporsi per la prima volta i Sollevati di Pont’a Serchio sui Risentiti di Vecchializia, portando il computo totale delle sfide a 3 a 1 per questi ultimi. Un combattimento molto intenso, che ha confermato i progressi dei Sollevati. L’edizione 2018 ha confermato la crescita professionale e sportiva dei capitani e di tutti i combattenti, destinati a gare sempre più equilibrate in futuro.
Ma a vincere sono state soprattutto sportività e voglia di stare insieme, tratti essenziali che definiscono al meglio la comunità di Pontasserchio e dintorni.

Focus sul programma di domenica 29 aprile. Spiccano la 3a Motoinfiera a cura del Moto Club di Pontasserchio e il convegno sul “Bonus verde”.

Dopo il saluto di Franco Marchetti, vicesindaco del Comune di San Giuliano Terme, interverranno Francesco Mati, tra i più importanti vivaisti d’Italia e autore del libro “Il giardinista” (nell’intervista in allegato trovate ulteriori informazioni) e Francesco Ferrini, professore di Arboricoltura all’Università di Firenze.
Si parlerà di bonus verde e delle conseguenze sul settore florovivaistico e dell’importanza del verde per la qualità della vita delle città, moderatore Fabio della Tommasina della casa editrice MdS.

By