Al via le domande di mobilità nella scuola. Ecco come fare

PISA – Il quadro delle “regole” e della normativa che consente al personale docente, educativo e ATA a tempo indeterminato di presentare domanda di trasferimento volontaria, da un grado di scuola ad un altro, dall’insegnamento in una classe di concorso ad un’altra, da un profilo ad un altro della stessa area per il personale ATA, è stato definito. Lo comunica la FLC CGIL Pisa.

L’11 aprile – si legge nella nota – è stato firmato definitivamente il contratto integrativo sulla mobilità per il prossimo anno scolastico. Contestualmente è stata anche sottoscritta l’Ipotesi di contratto sulle modalità di assegnazione alle scuole dei docenti titolari su ambito: sono state definite regole e procedure oggettive che riportano centralità al collegio dei docenti sulla “individuazione per competenze”. La pubblicazione dell’OM 221/17 ha dato avvio alle procedure per la presentazione delle domande di mobilità. Con l’OM 220/17 si forniscono le indicazioni per gli insegnanti di religione cattolica. Entrambe sono state trasmesse con la nota 16128/17.

Scadenze. I primi a presentare domanda saranno i docenti e il personale educativo, che avranno tempo dal 13 aprile fino al 6 maggiopersonale ATA, invece, potrà farlo dal 4 maggio fino al 24 maggio. Calendario completo delle operazioni.

Devi presentare domanda? Nel vademecum viene riassunta la normativa e fornite utili informazioni e indicazioni per districarsi nella compilazione delle domande. Scarica il vademecum

Sul sito della FLC CGIL anche i modelli, le dichiarazioni e le auto-certificazioni da allegare alla domanda. Scarica la modulistica e i fac-simile delle autocertificazioni

Sono disponibili alcuni video nel nostro canale YouTube.

By