Alessandria – Pisa 0-2. I nerazzurri sbancano il Moccagatta con i gol di De Vitis ed Eusepi

PISA – Il Pisa espugna (2-0) il “Moccagatta” di Alessandria e sale a quota 19 punti in classifica. Non poteva esserci esordio migliore per mister Michele Pazienza catapultato dalla formazione Berretti alla prima squadra in poche ore. Buono l’impatto con il match da parte del Pisa ben messo in campo con un semplice 4-4-2 prima e da un inedito 3-5-2 poi. Le reti sono state messe a segno da Alessandro De Vitis al 38′ del primo tempo e da Umberto Eusepi all’8′ della ripresa. Grande ingresso in campo anche di Maikol Negro che al 41′ della ripresa dopo una gran giocata ha colpito il palo.

di Antonio Tognoli

PRE GARA. Alla sua prima panchina in serie C mister Michele Pazienza deve rinunciare ad Ingrosso e Cuppone e schiera a sorpresa un 4-4-2. Davanti a Petkovic ci sono Lisuzzo e Carillo con Birindelli e Filippini impiegati sugli esterni. A centrocampo spazio a De Vitis, Gucher in mezzo al campo con Di Quinzio preferito a Maltese, Mannini scala a centrocampo con Masucci ed Eusepi duo d’attacco. Per la prima volta in questa stagione il Pisa scende in campo con la maglia rossa, Alessandria invece che indossa la casacca grigia. Sono circa 450 i tifosi nerazzurri che hanno seguito la squadra nella lontana trasferta in Piemonte.

IL PRIMO TEMPO. Buono l’impatto sul match da parte della squadra di mister Pazienza che fa il match e disputa venti minuti di alto livello. Mannini e compagni fanno il gioco e creano due palle gol importanti. Agazzi è bravo su Filippini prima e Mannini poi a cavallo tra il 15′ e il 17′. Il primo ammonito del match è Cazzola. Poi si scuote l’Alessandria che al 23′ fa tremare il Pisa: colpo a botta sicura di Branca con Filippini che salva sulla linea. A questo punto il Pisa soffre i “grigi” che per un quarto d’ora mettono in difficoltà i nerazzurri che sono bravi però a venir fuori negli ultimi minuti della prima frazione. Al 38′ la squadra di mister Pazienza va in vantaggio. Cross di Filippini, “spizzata” di testa di Masucci, sul secondo palo arriva in scivolata De Vitis che deposita alle spalle di Agazzi. Bravo il centrocampista figlio d’arte che segue l’azione è bravo a crederci e realizzare il suo secondo gol in maglia nerazzurra: 1-0 e gara sbloccata (il primo lo aveva realizzato sempre in Piemonte nella vittoria per 1-0 a Cuneo), Nella parte finale del primo tempo il Pisa legittima il vantaggio con una doppia occasione, la prima capita sui piedi di Di Quinzio e viene respinta dalla difesa, la seconda capita invece sulla testa di Eusepi, ma la sfera su cross dello stesso Di Quinzio termina di pochissimo a lato. La prima frazione si chiude senza recupero con il Pisa in vantaggio.

IL SECONDO TEMPO. Il Pisa inizia la ripresa così come era terminata la prima frazione: con il Pisa all’attacco. Agazzi rinvia corto su Masucci dopo appena due minuti, il cui tiro è respinto proprio dall’estremo difensore locale. Il Pisa continua ad attaccare e trova il raddoppio con Eusepi (che servito ancora da Masucci) all’8′ si presenta a tu per tu con Agazzi lo salta e deposita la palla in rete realizzando il suo primo gol stagionale e andando a scaricare la propria gioia sotto il settore che ospita i sostenitori nerazzurri in visibilio per il raddoppio, ma soprattutto per il cambio di passo della formazione nerazzurra rispetto alle ultime apparizioni. 2-0 e gara in discesa per la squadra di mister Pazienza. A questo punto mister Stellini cerca di cambiare qualcosa: fuori Branca fischiato, dentro Gonzalez. Mister Pazienza risponde con un doppio cambio dentro Sabotic per Birindelli e Giannone per Masucci. Pisa schierato a questo punto con un inedito 3-5-2 che vede come difensori centrali Sabotic, Carillo e Lisuzzo. I nerazzurri avrebbero anche l’occasione per portare a tre le reti con Filippini che serve Di Quinzio sulla sinistra che crossa in mezzo per Eusepi che con un diagonale di sinistro impegna Agazzi che è costretto alla respinta. Nel Pisa entrano anche Negro, Maltese ed Izzillo, fuori Eusepi, Di Quinzio e l’autore del gol De Vitis. L’Alessandria prova a reagire con un destro di Casasola che termina sul fondo. Troppo poco però per i “grigi” che anche nella ripresa non sono mai riusciti ad impegnare severamente Petkovic. E’ il Pisa però a sfiorare ancora la terza rete: cross di Negro su cui non arriva nessuno all’appuntamento con la deviazione a rete. Al 41′ è ancora Negro a sfiorare il tris prima con una gran giocata con il tacco e poi con il tiro dopo l’ingresso in area che colpisce il montante. Sono quattro i minuti di recupero al “Moccagatta”. ma questa volta il Pisa si prende applausi e soprattutto tre punti.

ALESSANDRIA – PISA 0-2

ALESSANDRIA (4-4-2): Agazzi; Celjak, Gozzi, Piccolo, Casasola; Sestu, Gazzi, Cazzola, Branca (54′ Gonzalez); Bunino (65′ Marconi), Bellomo (65′ Russini). A disp. Pop, Pastore, Ranieri, Sciacca, Nicco, Giosa, Gjura, Fissore, Rossetti. All. Stellini

PISA (4-4-2): Petkovic; Birindelli (61′ Sabotic), Lisuzzo, Carillo, Filippini; Mannini, De Vitis (74′ Izzillo), Gucher, Di Quinzio (68′ Maltese); Masucci (61′ Giannone), Eusepi (68′ Negro). A disp. Reinholds, Voltolini, Peralta, Cernigoi, Zammarini, Nacci, Favale. All. Michele Pazienza

ARBITRO: Massimi di Termoli

RETI: 38′ De Vitis, 53′ Eusepi

NOTE: serata fresca, terreno in perfette condizioni. Ammoniti Cazzola, Bellomo, Mannini, Gazzi, Piccolo. Angoli 7-2. Rec pt 0′, st 4′. Spettatori 2.800 circa

By