Alessandro De Vitis: “Sarà un campionato di serie B molto lungo e difficile”

PISA – Parte ufficialmente la Stagione 2019-20 del Pisa Sporting Club, che lo vede ripresentarsi ai nastri di partenza del torneo cadetto con rinnovato entusiasmo, ed in tal senso i giocatori e lo Staff Tecnico si sono radunati questa mattina presso l’Arena Garibaldi prima di partire per il pre-ritiro a Montecatini Terme e quindi raggiungere Storo, oramai da quattro anni sede del ritiro estivo nella valle del Chiese. Il primo a concedersi a microfoni e taccuini è il centrocampista nerazzurro Alessandro De Vitis

di Giovanni Manenti 

GUARDA L’INTERVISTA AD ALESSANDRO DE VITIS

RICOMINCIAMO. “La gioia di Trieste sia oramai alle spalle, le vacanze sono finte ed ora è il momento di ripartire con grande entusiasmo, ma altresì con la consapevolezza di aver compiuto una grande impresa che però non deve assolutamente farci vivere di rendita, in quanto andiamo ad affrontare un campionato difficilissimo, per cui è necessario resettare quanto avvenuto un mese fa e mettere le basi per quella che sarà la nuova stagione”.

Nella foto Robert Gucher a destra assieme ad Alessandro De Vitis

CENTROCAMPISTA I DIFENSORE?. “Per quanto riguarda il mio ruolo in campo, prosegue De Vitis come avete visto anche l’anno scorso ciò non rappresenta un problema, adattandomi a qualsiasi soluzione il Mister voglia proporre, anche se quella di essere duttile ritengo possa essere considerata una delle mie migliori qualità, pur se non sono certo stato l’unico giocatore determinante in ottica promozione, vista la forza del gruppo e, caso mai, posso dire di ritenermi soddisfatto per aver fornito il mio contributo”

PRESTO PER LE GERARCHIE. “Difficile dire adesso – rileva il centrocampista nerazzurro – quali possano essere le gerarchie della prossima stagione, di certo è che si tratta di un campionato duro, molto competitivo e che per ben figurarvi è necessario affrontarlo con grande entusiasmo e con la consapevolezza che, comunque, è di una Categoria superiore e ben diversa dalla Serie C”.

SU MOSCAGOL. “È confortante che Moscardelli abbia deciso di restare ancora un anno con noi, visto quanto sia stato fondamentale il suo apporto sia in campo che fuori, non nascondendo di aver contribuito come Gruppo a fargli prendere questa decisione, dato che oramai è risaputo – e lo avete detto e scritto in tanti – che la forza di questa squadra sta proprio nella sua unità, ritenendo inoltre, che proprio per rispetto alla sua carriera, sia quantomeno doveroso che abbia la soddisfazione di concludere la stessa con un ultimo torneo cadetto”.

By