Alessandro Malomo, difensore del Prato in esclusiva su Pisanews: “Pisa grande squadra, con un attacco forte ma la nostra caratteristica sono le ripartenze veloci”

PISA – Si avvicina a grandi passi il derby fra Pisa e Prato, che si disputerà domenica 24 novembre, ore 14,30, allo stadio “Lungobisenzio”. Pisanews, come e’ consuetudine ormai da tempo ha tastato il polso in casa pratese per sapere con quale spirito stanno preparando questa importante sfida i lanieri ed a tal proposito abbiamo ascoltato il difensore laniero Alessandro Malomo, che rientra proprio contro il Pisa dalla squalifica.

Ciao Alessandro benvenuto a Pisanews, come state preparando il derby con il Pisa?

“innanzitutto, con la consapevolezza che ci apprestiamo ad affrontare una grande squadra, il Pisa, che possiede un forte attacco, quindi dobbiamo cercare di fermarli e di ripartire veloci, che è la nostra caratteristica”.

Venite dalla prima sconfitta stagionale a Lecce: che partita e’ stata e che squadra di e’ parsa quella salentina?

“Premesso che in quella partita io non ho giocato, ho pero’ potuto vedere che la compagine pugliese e’ una grande squadra con una difesa solida e con giocatori di altra categoria. Noi pero’ abbiamo dominato a centrocampo e non abbiamo sofferto piu’ di tanto, malgrado i due gol di scarto”.

Che Pisa ti aspetti domenica al “LungoBisenzio”?

“Mi aspetto una squadra forte, con giocatori come Aiman Napoli, che conosciamo bene,bforte e dinamico e poi ci sono Arma e Giovinco. Cercheremo di prendere le giuste contromisure per bloccare le loro avanzate”.

Aiman Napoli la scorsa stagione militava nel Prato. Che cosa puoi dirci di lui?

“Ti posso dire che Aiman Napoli è un bravissimo ragazzo con il quale ho legato benissimo quando era qui a Prato, purtroppo ha avuto un infortunio e la pubalgia che non gli hanno permesso di giocare al 100 per cento pero’ nella finale dei playout segno’ un gol decisivo per la salvezza del Prato. Aiman veramente è un ragazzo semplice ed umile”.

Che modulo attua il Prato?

“Noi cambiamo spesso a seconda delle situazioni anche se i moduli possono essere il 3-5-2 o 3-4-3, dipende molto da chi affrontiamo”.

Mister Esposito che allenatore e’?

“E’ un allenatore a cui piace curare i particolari e soprattutto la fase difensiva”.

Tu sei un difensore. Quali sono le tue caratteristiche?

“Diciamo che sono bravo nei colpi di testa e nell’affrontare l’uno contro uno e l’avversario in una difesa “a quattro”, anche se mi adatto benissimo a giocare in una difesa “a tre”. Sono però a disposizione nel mister anche in caso di emergenza”

Da due stagioni militi nel Prato. Come ti senti di descrivere la piazza?

“E’ una piazza tranquilla, allo stadio non sono numerosi, ma riusciamo a lavorare bene ed in tranquillità”

Della piazza di Pisa invece cosa sai?

“Ci son venuto a giocare lo scorso anno, pubblico numeroso, gran tifo, direi che giocare in una piazza come Pisa da una grande carica e la squadra nerazzurra e’ obbligata questo anno a conquistare almeno i playoff”.

A proposito di play-off come vedi la lotta per un posto agli spareggi promozione nel girone B?

“A mio avviso il Lecce ha tutte le potenzialita’ per “scalare”la classifica, poi per i primi posti vedo in lizza anche Pisa, Benevento e Frosinone pero’ anche il mio Prato puo’ senz’altro ambire a rientrare nei primi posti”.

Il Pontedera secondo te può lottare per i play-off fino alla fine?

“Il Pontedera è partito con entusiasmo, con ragazzi giovani ed e’ nelle posizioni alte della classifica con merito, inoltre ha un attacco da categoria, non dico che e’ al livello di Pisa, Benevento e Frosinone, ma potra’ dire la sua”.

Per chiudere un tuo giudizio sull’età media che tanto ha fatto discutere…

“Secondo me deve giocare chi merita, e’ assurdo vedere giocatori di 30 anni a giro, dopo aver fatto una notevole carriera e vedere giovani nati nel 1994 o 1995 che giocano a calcio per due anni, fino a che col minutaggio portano contributi alle società’ che li ingaggiano e che poi finito lo scopo “contributivo” si ritroveranno senza una squadra. Giovane o anziano, largo a chi merita e basta”.

SOTTO ALESSANDRO MALOMO, DIFENSORE DEL PRATO (foto tratta da forzaroma)

20131121-231300.jpg

By