Alessio Cerci “stoppa” il Livorno sul più bello. La giornata del Toro era partita da San Piero a Grado

PISA – Quando la sconfitta sembrava ormai essersi concretizzata per il Torino all’Armando Picchi di Livorno, l’ex nerazzurro Alessio Cerci ha trasformato un calcio di rigore all’87’, che ha consentito di portare a casa ai granata almeno un punto dall’Ardenza.

Il tornante del Toro e della Nazionale ha confermato il grande momento di forma. Dopo 4′ ha servito una gran palla ad Immobile che l’ha dovuta solo sospingere in porta per l’1-0 dopo soli 4′ e al 7′ da un suo angolo il preciso colpo di testa di Glik aveva portato il Toro sul 2-0. Poi la rimonta labronica con Paulinho e l’altro ex nerazzurro Leandro Greco e il gol del sorpasso di Ramos Borges Emerson. Un gran tiro da fuori con Padelli non esente da colpe. Nella parte finale si gioca ad una porta. D’Ambrosio colpisce un clamoroso palo, Immobile si mangia almeno un paio di occasioni e poi nel finale Cerci “Gela” il Picchi.

Era iniziata in terra pisana la mattinata del Toro che doveva effettuare la rifinitura all’Arena questa mattina. All’ultimo momento mister Ventura e il suo staff hanno preferito la quiete di S. Piero a Grado, dove il gruppo granata ha svolto una breve seduta a porte chiuse per poi raggiungere Livorno.

Molti gli ex nerazzurri che hanno affrontato il Livorno a partire dal Ds Gianluca Petrachi arrivato però solo in giornata da Torino, oltre a Gian Piero Ventura, Alessio Cerci e il portiere Daniele Padelli. A Pisa faceva il secondo a Davide Morello tutt’ora in cerca di squadra.

20131030-232200.jpg

By