Alla Città del Teatro progetto formativo under 35

CASCINA – Dal 4 luglio La Città del Teatro di Cascina ospita un gruppo di giovani provenienti da tutta Italia, per un progetto finalizzato al perfezionamento delle tecniche dello spettacolo e alla messa in scena di una nuova produzione di Fondazione Sipario Toscana onlus. legami-città-teatroÈ un gruppo selezionato di under 35 quello che, in fasi successive, abiterà fino a novembre gli spazi della Città del Teatro. Giovani autori, registi e scenografi che hanno risposto con entusiasmo al bando lanciato pochi mesi fa per dare un’opportunità concreta, in mezzo a tante parole, all’esigenza di creare le premesse formative per un vero ricambio generazionale anche nel mondo del teatro. Il tema intorno al quale il gruppo, sotto la direzione e il coordinamento del nucleo artistico della Fondazione Sipario, rifletterà e lavorerà nei prossimi mesi è quello dei legàmi, intesi certo come nessi tra le persone e all’interno di una comunità, ma anche da un punto di vista professionale come contatti con le radici e con gli strumenti della tradizione, irrinunciabili premesse di ogni possibile ricambio. Il progetto si articolerà in due distinti momenti. Durante l’estate i giovani selezionati affronteranno sotto molteplici punti di vista e secondo differenti discipline di riferimento la materia delle relazioni affettive; da settembre partirà poi la fase di lavoro direttamente finalizzata allo sviluppo della produzione, che terminerà con il debutto dello spettacolo generato dall’intera esperienza. Con “Legàmi” prosegue di fatto la fortunata e positiva esperienza nata con la produzione de “La Peggiore” (spettacolo vincitore del Premio Eolo Awards 2014 per il miglior progetto drammaturgico di teatro ragazzi e giovani) e proseguito poi con “Non sono stato io”, entrambi scritti da giovani drammaturghi con la supervisione di Donatella Diamanti. Questi i nomi dei selezionati: Samuele Boncompagni, Vania Cauzillo, Annick Emdin, Simone Faloppa, Giulia Fantastichini, Simona Franco, Laura Grimaldi, Maria Lidia Papotti, Caterina Simonelli.

By