Alla Stella Maris nasce un Parco Giochi speciale per il sorriso di tutti i bambini

CALAMBRONE – Nasce un parco con giochi inclusivi e senza barriere, utilizzabile dai bimbi in terapia alla Stella Maris.

Ad accogliere i bambini, nel cielo delle grandi lettere argentate a comporre la parola “Sorridi” e attorno tanti giochi nuovi, ovunque palloncini colorati. È stato inaugurato nei giorni scorsi all’IRCSS Fondazione Stella Maris di Calambrone (PI) il Parco del Sorriso – I Giochi di Giuseppe Cefalù, con installazioni inclusive che permettono a tutti bimbi in terapia presso l’Istituto di potere giocare senza barriere insieme agli altri bambini: un luogo dove trova spazio il sorriso anche se sono ardui i percorsi che ogni piccolo deve affrontare.

Donato da Elisa e Giovanni, genitori del piccolo Giuseppe Cefalù, il Parco del Sorriso è frutto del progetto nato dalla volontà di questa famiglia di Palermo di tenere viva la solarità, l’altruismo senza limiti e la voglia di sorridere e di far sorridere del figlio. “Oggi è un giorno davvero speciale, Giuseppe è vicino a noi più che mai – spiega mamma Elisa -. Un ringraziamento particolare va a tutti coloro che hanno sostenuto il progetto, e alla dottoressa Stefania Bargagna: dietro questo grazie c’è la motivazione della scelta di questo luogo per creare il parco. Nel nostro duro percorso abbiamo conosciuto e vissuto tante strutture, e nell’Istituto Stella Maris abbiamo davvero trovato una grande famiglia che oltre a offrirci esperienza e professionalità, ci ha accolto con amore. Non possiamo che ringraziarli per quanto è stato fatto per noi e per quanto continuano a fare ogni giorno per i propri piccoli pazienti: nella struttura, alle terapie si affianca un aspetto umano e amorevole che rappresenta un sostegno fondamentale per famiglie e bambini in terapia”.

“Il ringraziamento più grande – continua Elisa – va a nostro figlio Giuseppe, che ci ha insegnato l’altruismo senza limiti e a sorridere non solo nei momenti felici: anche in quelli più duri, lui stesso ha trovato sempre il modo di sorridere. Questo parco non è quindi semplicemente la realizzazione di un progetto, è il dono di un bambino felice agli altri bimbi, il dono di una famiglia semplice come la nostra alle altre famiglie per rendere più leggero questo percorso, uno spazio in cui essere felici nonostante tutte le difficoltà che affrontano quotidianamente”.

Insieme ad Elisa e Giovanni, ad inaugurare il parco c’erano l’avvocato Giuliano Maffei, Presidente della Fondazione e la dottoressa Stefania Bargagna, responsabile dell’Unità Semplice di Riabilitazione (di Alta Specialità) per le Gravi Disabilità dell’Età Evolutiva, oltre a tanti amici e bambini dell’Istituto pisano insieme alle loro famiglie. Una giornata all’insegna della gioia e del gioco, soprattutto: dopo il lancio di palloncini verso il cielo, i genitori di Giuseppe hanno invitato tutti a usufruire dei giochi che compongono il parco.

L’IRCCS Fondazione Stella Maris – Istituto Scientifico per la Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza è una struttura d’avanguardia per l’assistenza, per il recupero e per la ricerca sulle devianze dello sviluppo e sulle disabilità dell’infanzia e dell’adolescenza, che cura e assiste bambini e adolescenti con le principali e più frequenti patologie del sistema nervoso e della mente.
Nella struttura era già presente un’area giochi: a questa ora si aggiunge il Parco del Sorriso, dove, conclude Elisa: ” il sorriso di Giuseppe vivrà come messaggio di gioia e di speranza per tutti i bambini, perché possano continuare a sorridere ogni giorno nonostante tutte le difficoltà”.

By