All’Arena Pisa – Flora Tallinn si chiude a reti bianche

PISA – Prima uscita stagionale all’Arena del Pisa Sc che chiude a reti bianche (0-0) contro la squadra estone del Flora Tallinn formazione che sta per aggiudicarsi l’undicesimo scudetto in Estonia ed è reduce dall’eliminazione ai preliminari di Europa League per mano dell’Eintracht di Francoforte al meglio del doppio confronto. 

di Antonio Tognoli

La sfida dell’Arena è organizzata dalla San Marco Eventi partner del Pisa Sc. Un pareggio positivo si sono viste buone trame ma è ancora presto per dare dei giudizi sulla squadra nerazzurra dato che il mercato non è ancora chiuso.

PRE MATCH. Mister D’Angelo deve rinunciare ai due acciaccati Di Quinzio ed Ingrosso e per la prima uscita stagionale davanti al proprio pubblico (circa 2.000 i presenti) schiera il 3-5-2. Davanti a Gori ci sono De Vitis riportato in difesa, Meroni e Benedetti. Sugli esterni spazio a Belli e Lisi. Minesso, Gucher e Marin sono schierati a centrocampo mentre in attacco mister D’Angelo sceglie la coppia formata da Masucci e Moscardelli.

IL PRIMO TEMPO. Le emozioni nelle fasi iniziali sono decisamente poche. Il gioco ristagna a centrocampo con qualche fallo di troppo per un “friendly match”. Si notano alcuni buoni fraseggi e due cambi di gioco al bacio di Moscagol nei primi 15′ di gioco. Per il resto pura accademia. La squadra estone invece predilige un gioco senza “fronzoli” con palla lunga e pedalare che vede i ragazzi di Jenn in maglia verde tentare la verticalizzazione con palla lunga a scavalcare il cerchio centrale del campo. Nello specchio della porta però le uniche due occasioni sono del Pisa. La prima, un colpo di testa di Marin su cross da sinistra di Lisi. La seconda una bella azione personale del Mosca con il suo destro rasoterra deviato in angolo. La risposta della squadra estone è affidata al sinistro dal limite di Rauno deviato in angolo da Gori. Ottima la risposta dell’estremo difensore nerazzurro che si ripete qualche minuto più tardi sempre su Rauno con un altra super parata che strappa tanti applausi ai presenti all’Arena. Il primo tempo si chiude con un destro dal limite di Lisi imbeccato da Masucci. Aland blocca a terra.

IL SECONDO TEMPO. Nella ripresa è totalmente un altro Pisa. Mister D’Angelo passa al 4-3-1-2. Rispetto alla prima frazione in campo rimane il solo Gori e Benedetti. Difesa a quattro con l’innesto del nuovo arrivato Aya. Centrocampo a tre con Verna, Izzillo ed il nuovo arrivato Pinato. Siega fa il tre quartista alle spalle di Pesenti e Marconi. Dopo pochi minuti però per uno scontro con Birindelli Kuusk è costretto a lasciare il campo. Al suo posto per la squadra estone entra Purg. Il Pisa prova a fare la partita, ma Gori devia ancora in angolo sulla conclusione di sinistro del nuovo entrato Liivak. La più grossa occasione capita però sui piedi di Marconi servito da Verna: la palla però termina alta. Poco più tardi punizione dal limite di Siega che termina di un soffio alta sopra la traversa. Nelle file nerazzurre c’è spazio anche per il portiere Reinholds che rileva Gori. Siega ci riprova con il sinistro ma la sfera termina ancora alta. La gara si chiude con un salvataggio di Reinholds e la traversa colpita dal Flora Tallinn con Riiberg. Dopo tre minuti di recupero la gara si chiude sullo 0-0.

PISA – FLORA TALLINN 0-0

PISA 1 TEMPO (3-5-2): Gori (72′ Reinholds), Meroni, De Vitis, Benedetti; Belli, Minesso, Gucher, Marin, Lisi; Moscardelli, Masucci. A disp. D’Egidio, Fischer, Liotti, Birindelli, Pesenti, Langella, Marconi, Aya, Izzillo, Siega, Verna, Pinato. All. Luca D’Angelo

PISA 2 TEMPO (4-3-1-2): Gori; Birindelli, Aya, Benedetti, Liotti; Verna, Izzillo, Pinato; Siega; Pesenti, Marconi. All. Luca D’Angelo

FLORA TALLINN: Aland, Nurmela, Kuusk (48′ Purg), Lukka, Lilander, Poom, Domov, Alliku (62′ Vassiljev) , Riberg, Sinjavskiy (46′ Liivak), Sappinen (82′ Sorga) . A disp. Igonen, Kams, Jarvelaid, Kreida, Miller, Lepik. All. Henn

ARBITRO: Federico Fontani della sezione di Siena

NOTE: Serata calda, terreno in perfette condizioni. Angoli 5-6. Rec pt 1′, st 3′

By