Alle Officine Garibaldi si parla di autismo

PISA – In occasione del mese della consapevolezza autistica, l’Officina Pedagogica AltaMente Differente di Vicopisano, organizza, in collaborazione con Spazio Asperger Onlus e con la partecipazione di Autismo Pisa Onlus, un evento formativo gratuito dal titolo “L’autismo non è uno. Unicità e diversità nello spettro autistico”, che si svolgerà sabato 30 marzo dalle ore 14  alle 19 presso la Sala Ranieri delle Officine Garibaldi di Pisa, Via Gioberti 39.

L’evento si propone l’obiettivo di far conoscere ad un ampio pubblico di esperti e non (genitori, professionisti, educatori, insegnanti e persone nello spettro) le molte e complesse sfaccettature dell’autismo e la necessità di costruire un approccio basato sulle caratteristiche specifiche e uniche della singola persona, bambino o adulto, tenendo in considerazione sia potenzialità e abilità sia difficoltà dell’individuo. In particolare l’attenzione sarà posta sull’autismo di grado lieve e l’Asperger, due sfumature dello spettro autistico spesso soggette a pregiudizi e falsi miti.

Il ricco programma prevede, dopo una breve presentazione delle associazioni coinvolte, l’intervento di medici ed esperti del settore. Tra questi il dottor Davide Moscone, psicologo e psicoterapeuta di indirizzo cognitivo comportamentale, uno dei massimi esperti italiani di Asperger e Autismo lieve, oltre che curatore e autore di molte pubblicazioni scientifiche e divulgative in materia,

Presidente di Spazio Asperger Onlus e Direttore Clinico di CuoreMenteLab (Roma). Il suo intervento, dal titolo Unici e diversi. La neurodiversità delle persone con autismo lieve e sindrome di Asperger”, intende fornire le coordinate principali dell’argomento e introdurre le spesso non ripetibili specificità delle persone neurodiverse, grazie alle ampie  conoscenze e alla significativa esperienza professionale del relatore. “L’autismo, o meglio gli autismi – spiega Moscone -, è una condizione a spettro ad altissima variabilità. Per questo il motto della nostra Associazione è infinite diversità in infinite combinazioni.

L’incontro del 30 marzo vuole essere un’occasione per riflettere proprio sulle diverse manifestazioni dell’autismo”.

Seguiranno poi la relazioni della dott.ssa Giulia Cavallo pedagoga e tutor dell’apprendimento, specializzata in didattica individualizzata, e della dott.ssa Elena Leoni, medico chirurgo specializzata in Neuropsichiatria Infantile, direttore sanitario del Centro per la famiglia Kont-te e operatore RIPECA nell’ambito dell’Educazione Cognitivo Affettiva.

Le conclusioni saranno affidate alla dott.ssa Manuela Cianella, mentore per la neurodiversità, dottore in Filosofia e in Psicologia, specializzata in Educazione Cognitivo Affettiva e Presidente dell’Officina Pedagogica altaMente differente. Il suo intervento, dal titolo “E adesso? Una risposta concreta alla neurodiversità” affronta la questione di come intervenire a livello educativo una volta evidenziate le caratteristiche dell’individuo, sottolineando in particolare il ruolo fondamentale svolto dalla consapevolezza delle proprie specificità da parte della persona autistica e l’importanza dell’intervento e-ducativo. Previste anche testimonianze di genitori che vivono ogni giorno questa condizione.  L’evento formativo si presenta quindi come un’occasione unica per scoprire ed elaborare un punto di vista approfondito, aggiornato alle più recenti ricerche sull’autismo lieve e l’Asperger. La partecipazione all’evento è gratuita, su registrazione obbligatoria, inviando una mail con i propri dati ainfo@altamentedifferente.it

By