Altro che percezione, la sicurezza è vera emergenza! L’appello dei commercianti di Galleria Sanac in diretta su Rete 4

PISA – Dei problemi di sicurezza di Porta a Mare e di Corte Sanac se ne è parlato su Rete 4, alla trasmissione Quinta Colonna.

Il gruppo di commercianti e imprenditori, supportati da ConfcommercioPisa, attarverso una petizione firmata e sottoscritta, indirizzata a prefetto, sindaco e istituzioni competenti, ha manifestato in diretta nazionale il proprio disagio e la mancanza di sicurezza, in una escalation di furti, degrado, vandalismi e altro che ha trovato nella notte del 9 settembre il proprio massimo epicentro. Un appello forte è giunto dalla presidente di ConfcommercioPisa Federica Grassini: “Denunciamo ormai da anni, quotidianamente questa insicurezza crescente. In città abbiamo il nuovo prefetto Pagliuca, che come il precedente non parla di emergenza ma solo di percezione di sicurezza dei cittadini, e questo per noi è inaccettabile. Siamo persone oneste, vorremmo il rispetto per il nostro lavoro: non ne facciamo una questione di etnia, e non ci piace che la sicurezza diventi tema di strumentalizzazione politica. Non è solo questione di fondi e di risorse, occorre la volontà politica di risolvere questi problemi. Quale alternativa concreta si offre all’imprenditore che tutti i giorni subisce soprusi e che si sente rispondere, dalle stesse forze dell’ordine, che intervenire non serve a niente?” – ha domandato la numero uno di Confcommercio Pisa ai politici presenti in studio, senza peraltro ricevere risposta alcuna
Il collegamento con Pisa è iniziato con le immagini della vetrina infranta del parrucchiere Alessandro Mosti, mentre altrettanto efficace l’intervento di Maurizio Fontana che ha mostrato in tv le fotografie degli ultimi furti subiti in rapida successione, computer, bicicletta e motorino. Confermano di avere paura le titolari della palestra, Ilaria Moretti e Luisa Mazzuca. C’è che come Chiara Fontanabona, titolare di un’altra attività, è convinta che “occorrerebbe inasprire le pene e farle applicare. Un metodo che, al di la di tanti discorsi, rappresenterebbe un ottimo deterrente per coloro che hanno intenzione di delinquere” mentre condivide in pieno un profondo senso di abbandono della zona un’altra imprenditrice di Corte Sanac, Paola Panchetti.

By