Amarcord. Riccardo Bettini: “Che emozione quel gol a Cesena. Chi acquisterà il Pisa farà un affare”

PISA – La sfida di domenica prossima rievoca ricordi importanti per l’ex difensore nerazzurro Riccardo Bettini, che con un suo gol castigo’ il Cesena nella sfida play off 2002-03. Il suo gol diede il momentaneo vantaggio al Pisa, poi il pari cesenate con la gara che si chiuse sull’1-1. Ma i nerazzurri si qualificarono alla finalissima grazie all’1-0 della gara di andata all’Arena.

di Maurizio Ficeli

A tal proposito Pisanews lo ha contattato. Riccardo Bettini all’ombra della Torre Pendente, disputò, in tre anni 83 gare mettendo a segno 4 gol, una delle quali appunto nella semifinale playoff. Bettini realizzo una rete al Cesena anche nella gara all’Arena della regular season, quindi risultò una sorta di bestia nera per la squadra cenate.

Il giocatore e’ nativo di Montevarchi, in provincia di Arezzo e attualmente, gioca in serie D nella Rignanese, squadra del paese di origine dell’attuale premier Matteo Renzi. È rimasto molto attaccato ai colori nerazzurri tanto che partecipa spesso anche al torneo “Mau Ovunque “.

D. Bentrovato Riccardo e grazie di aver accettato l’invito del nostro portale: passiamo subito a parlare di quel gol che segnasti al Manuzzi, in una semifinale fra Cesena e Pisa. Cosa provi nel ricordarlo?

R. “Un ricordo bello, una delle emozioni più forti che ho provato quando segnai in quella semifinale, davanti ad un gran seguito di tifosi pisani entusiasti. Da notare che,al Cesena, avevo fatto gol anche in campionato. Peccato che, dopo il passaggio in finale, non riuscimmo a conquistare la promozione in serie B in quella “fatidica” finale di Bergamo contro l’Albinoleffe, dove sinceramente, arrivammo stanchi”.

D. Malgrado questo, che ricordo hai dei tre anni trascorsi a Pisa?

R. “Sono stati tre anni importanti, una città dove conservo tutt’ora molti amici e dove mio figlio è cresciuto, io e lui siamo rimasti affezzionati a Pisa e seguiamo ancora le vicende dei nerazzurri”.

D. Quindi avrai senz’altro seguito un pò le vicende societarie: che idea ti sei fatto?

R. “Faccio fatica a dare una risposta precisa, perchè i problemi c’erano, per quello che so anche alla fine dello scorso campionato, però pensavo che il passaggio di categoria avrebbe un pò migliorato le cose ed invece almeno fino ad ora sembra che non ci sia pace, il mio auspicio è che tutto possa risolversi nel migliore dei modi e poi chi prende il Pisa deve rendersi conto che acquisisce un bacino importante a livello di tifoseria, che consente di programmare cose importanti”.

D. Diamo uno sguardo al Pisa come squadra. Che giudizio dai?

R. “Io ero presente allo stadio in occasione della finale di andata con il Foggia all’Arena e la squadra, è più o meno, quella della scorsa stagione, con un grande amalgama ed importanti giocatori di qualità. Sicuramente i giocatori nerazzurri hanno speso tanto e poi l’assenza di Daniele Mannini si sente, oltre alla mancanza di qualche ricambio. C’è da dire però che il Pisa in tutte le partite ha sempre fatto la prestazione”.

D. Pisa che domenica prossima fara visita al Cesena al “Manuzzi”: come vedi i bianconeri cesenati?

R. “Vedo un Cesena un pò in difficoltà, ha avuto un cambio di allenatore e può anche risentirne, ed io dico che se il Pisa riesce a centrare la prestazione in questa gara, non abbattendosi per la sconfitta subita sabato scorso col Perugia, ha tutti i mezzi per portare via da Cesena un risultato positivo”.

D. Riccardo, nel concludere questa chiacchierata, ci puoi dire cosa stai facendo attualmente?

R. “Oltre a lavorare, continuo a giocare, nella Rignanese, dove lo scorso anno ho vinto il campionato di Eccellenza, attualmente stiamo disputando il campionato di serie D. Ho 41 anni, mi diverto e continuerò ancora a giocare fino a che c’è la farò, vivendo al meglio il presente”.

La foto sopra di Riccardo Bettini è tratta da suo profilo Facebook

By