Amedeo Benedetti: “Da qui alla fine dobbiamo dare il massimo”

PISAAmedeo Benedetti dopo un momento difficile torna a respirare aria di successi e soprattutto quell’ottimismo che serve per rialzarsi ed ricominciare a correre.

Amedeo, in attesa del Gubbio, il Pisa in Coppa è tornato al successo, ma soprattutto ha offerto una prestazione che non si vedeva da tempo…

“A Viareggio domenica ci serviva una buona prestazione e l’abbiamo ottenuta. In più è arrivata anche la vittoria che ci ridà il morale giusto per affrontare una sfida importante come quella con il Gubbio”.

Che cosa vi ha detto mister Pane dopo la vittoria in Coppa?

“Ci ha fatto i complimenti per la vittoria e ci ha detto di continuare così. Vincere aiuta a vincere e se riusciamo ad ingranare le nostre energie si moltiplicheranno”.

Amedeo Banedetti (Foto Massimo Ficini)

 

Il tecnico nerazzurro ti ha impiegato in nuovo ruolo, come interno di centrocampo. Come ti sei trovato?

“In quel ruolo avevo già giocato in un altra gara di Coppa a Bassano e devo dire che mi trovo molto bene. Questo ruolo permette di esaltare le mie caratteristiche, andare sul fondo e crossare all’interno dell’area. In secondo luogo sono contento per la fiducia che il mister mi ha rinnovato in un altra zona del campo”.

Domenica all’Arena arriva il Gubbio. Che avversario ti aspetti?

“All’andata il Gubbio si è dimostrata una squadra ottima, ci ha battuto. Bisognerà affrontare il match con la giusta concentrazione e il giusto piglio. Loro vorranno sicuramente uscire da un brutto momento, noi dobbiamo ripartire con un successo”.

E’ inutile negarlo prima di questa vittoria in Coppa, il Pisa ha attraversato un momento molto difficile. Quali sono state secondo me le cause?

“Secondo me c’è stato un calo fisico, ma soprattutto mentale. se non hai la testa non girano neanche le gambe”.

In questo momento difficile della squadra, hai commesso qualche errore. sei consapevole?

“Sono consapevole di aver commesso degli errori e sono sempre molto arrabbiato per questo, perchè comunque quando sbagli e la squadra va in difficoltà ti pesa anche sulla gara successiva e anche sul lavoro settimanale”.

Quale errore brucia di più di quelli che hai commesso?

“Tutti gli errori bruciano, ma in particolare quello fatto a Viareggio in campionato. Dopo la mia buona prestazione e il gol ho rovinato tutto con il fallo da rigore e l’espulsione. Ho lasciato i miei compagni in dieci e questo mi dispiace tanto. meno male che Leo (Gatto ndr) ci ha messo una pezza all’ultimo”.

Adesso il Pisa ha l’opportunità di giocare due gare in casa propria…

“Siamo obbligati a guardare partita dopo partita e a non fare tabelle. Solo così possiamo pensare di risalire. Questa squadra deve tornare a dare il 110%, perchè se diamo il 95% facciamo molta fatica”.

Le squadre di testa si sono tutte rinforzate. Come collochi il Pisa nella corsa ai play-off?

“Ci sono quattro-cinque squadre più forti di noi e quello è indubbio, ma se torniamo ad essere quelli di due-tre mesi fa possiamo giocarcela con tutti e sono convinto che sarà così”.

By