Anche a Pisa è nata una Associazione Parkinson

PISA – Anche a Pisa è stata costituita una Associazione Parkinson, allo scopo di far emergere e rappresentare i bisogni e le aspettative delle persone affette da questa patologia che in Toscana colpisce circa 17.000 persone.

Si tratta della seconda patologia neurodegenerativa più comune dopo l’Alzheimer e, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il numero di questi malati è destinato a raddoppiare nell’arco dei prossimi quindici anni. Purtroppo, nonostante venga spesso etichettato erroneamente come malattia della terza età, il Parkinson colpisce anche fasce di età più giovani, infatti un malato su cinque ha meno di 50 anni al momento della comparsa dei sintomi iniziali, il 10% ha meno di 40 anni.

La neonata Associazione Pisa Parkinson si propone di dialogare con le Autorità socio-sanitarie, sollecitando una presa in carico globale e multidimensionale del malato, all’interno di una rete di servizi che ottimizzi le strutture e le professionalità operanti sul territorio. In questo impegno è iniziata una collaborazione con altre Associazioni consorelle aderenti al Tavolo Regionale Parkinson che ha da tempo avviato un dialogo con la Regione Toscana sulle tematiche relative alla gestione della malattia.

Le Associazioni Parkinson ritengono che, in accompagnamento alla terapia farmacologica, debbano essere previsti percorsi di supporto, sia sul piano psicologico sia su quello propriamente riabilitativo. Un altro fronte su cui l’Associazione intende impegnarsi è offrire alle persone con Parkinson e ai loro familiari opportunità di aggregazione e condivisione, al fine di contrastare l’isolamento e la sedentarietà a cui spesso la malattia conduce.

By