Anche a Pisa, San Giuliano Terme e Vecchiano la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti

PISA – Nata nel 2009 come progetto cofinanziato dall’Unione Europea, la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti giunge quest’anno alla sua ottava edizione con una vasta partecipazione di tutti e 28 i paesi europei.

Al grido di “Riduci, Riusa, Ricicla” tra il 19 e il 27 novembre associazioni, enti pubblici, aziende o anche singoli cittadini realizzeranno azioni di sensibilizzazione sulla corretta riduzione dei rifiuti. In Toscana sono 12 i comuni coinvolti da questo progetto e ben 3 quelli che sono stati ideati in provincia di Pisa. Hanno infatti partecipato con le loro proposte e sono stati scelti dai coordinatori del progetto il negozio Bio al sacco di Pisa, la cooperativa Cambiamo con un progetto su San Giuliano Terme e il Comune di Vecchiano. «Ci è sembrata la cosa più ovvia da fare», dice Pierpaolo Corradini, titolare del negozio Bio al sacco che ha recentemente aperto a Pisa con una modalità di vendita sfusa e alla spina che è espressamente indirizzata verso la riduzione dei rifiuti. “Noi vendiamo prodotti biologici principalmente sfusi, o comunque sfusi laddove la legislazione o le condizioni fisiche lo permettono. Dal 19 al 26 novembre abbiamo deciso di premiare i clienti che porteranno da casa i propri contenitori da riempire con un omaggio alimentare”. Il progetto si chiama infatti “Neppure la carta!”, che è il veicolo abituale che il negozio utilizza per confezionare i propri prodotti sfusi. Tra Ghezzano e Pavia è invece concentrato il progetto di educazione allo sviluppo sostenibile promosso dalla cooperativa sociale attiva a livello nazionale Cambiamo. “Scopo del progetto – racconta Yuri Galletti, uno dei soci della cooperativa – è quello di sensibilizzare cittadini del comune di San Giuliano Terme e studenti di Pavia alla riduzione dei rifiuti». Per tre giorni alcuni soci della cooperativa formeranno piccole comunità resilienti, in grado cioè di auto-organizzarsi e di individuare soluzioni al cambiamento climatico e allo spreco delle risorse. Ultimo dei tre progetti ideati in provincia di Pisa è quello del Comune di Vecchiano, che per il secondo anno di seguito ha deciso di sostenere gli agricoltori virtuosi del suo territorio elargendo un contributo a tutti coloro che vorranno acquistare il telo biodegradabile per i propri campi anziché il solito telo in PE. Contemporaneamente il Comune promuoverà l’eliminazione delle bottiglie di plastica nella scuola media vecchianese fornendo gratuitamente agli studenti delle borracce riutilizzabili. “Abbiamo deciso di aderire nuovamente a questo evento internazionale – dice il sindaco Massimiliano Angori – coerentemente con l’azione concreta per la riduzione dei rifiuti portata avanti dalla nostra Amministrazione Comunale”.

By