Andrea Kaemmerle in scena con il suo monologo “Nel nome mio”

CASCIANA TERMEDomenica 26 marzo 2017 alle 18,00 e alle 21,30 al Teatro Verdi Giuseppe di Casciana Terme la stagione “Teatro Liquido” presenta lo spettacolo “Nel nome mio”. Di e con Andrea Kaemmerle. Una produzione di Guascone Teatro.

Alle 20 cena speciale in Teatro ad euro 15,00. Per informazioni: 3280625881-3203667354 – info@guasconeteatro.it – sito we guasconeteatro.it. Biglietti unico ad euro 10.

«Nel nome mio» è una rappresentazione teatrale dolce e comica, un’immersione in un mondo onirico, allegro e malinconico. Un soldato in fuga, il suo primo bacio, le prime carezze, gli odori di Istambul e Praga. Poi uno sparo, due ali, un angelo, Dio e tante storie nascoste dentro le parole. La scena e le atmosfere cambiano continuamente come ad imitare l’umore saltellante ed improvviso dei bambini e dei vecchi. Ridere, sorridere, ricordare e ringraziare per tutti gli attimi commoventi e buffi che la vita ci ha messo sulla strada. L’amore per le parole, per i mondi che rivelano ed innescano, sono la base per uno spassoso gioco e duello con Dio. Una sfida clownesca al passare del tempo. Ma non solo.

«Il copione – spiega Andrea Kaemmerle – è nato da un´ idea che da molti anni mi girava per la testa, camminando per strada o guidando in una delle tante notti di ritorni. Un’immagine che a “balzelloni” mi si è incagliata nella mente e mi ha subito divertito molto. Come è possibile che in epoche non globalizzate e prive di grandi mezzi di comunicazione, ovvero almeno 50 anni fa, alcuni uomini siano stati così unici, caratteristici e famosi da divenire aggettivi sostantivi o addirittura avverbi. Quanto era sadico il marchese De Sade perchè il suo cognome esprimesse alla perfezione un concetto. Cosi Chovin, Stakanov, La Palisse, Silhouette, Kafka e molti altri, quanto erano assoluti per farsi parola in uso in quasi tutto il mondo? E ovunque si trovino adesso, sono felici di questo destino oppure è una beffa che si protrae nella notte dei tempi?»

Per un clown e per un comico queste domande sono accattivanti e seducenti, aprono mondi ed orizzonti di follie, di risate, di contrasti ed innamoramenti. Lo spettacolo è un immersione scioccante in una dimensione onirica e lontana. Una serata dove il gusto per le parole e la loro nascita si abbraccia ad una tecnica di immagini romantica e leggera. Un omaggio ad uomini che in qualche modo danzano sulle nostre inconsapevoli labbra. Grasse risate attraverso la sottile vita delle parole.

L’appuntamento è incluso nell’edizione 2016/2017 (la terza) del “Teatro Liquido”, ovvero “Utopia del Buongusto” (il festival estivo) in tempi freddi. La stagione con circa sessanta spettacoli che coinvolge le quattro città d’acqua di Bientina, Casciana Terme Lari, Livorno e Pisa. Da quest’anno alcune date saranno anche al Lux di Pisa e al Teatro delle Commedie di Livorno. Una stagione smisurata e pazzesca per le forze di Guascone Teatro di Pontedera che ne cura l’organizzazione. E’ anche una delle date della seconda “Grande stagione del nuovo Comune” Casciana Terme Lari.

La stagione del Teatro Liquido di cui fa parte anche Bientina, è un progetto che porta la firma di Guascone Teatro, sostenuto e promosso dal Comune di Bientina e Casciana Terme Lari, che prende forma da un’idea di Andrea Kaemmerle, direttore artistico anche dell’estiva “Utopia del Buongusto”. Con il sostegno di Regione Toscana, Provincia di Pisa, Toscana Energia e Coop-Unicoop Firenze Sezione Soci Valdera. Un ringraziamento particolare a Terzo Studio, Fondazione Sipario Toscana, Accademia Verdi e Casciana Cultura.

By