Andrea Lisuzzo: “Spero che la trattativa si chiuda, altrimenti il progetto sportivo rischia di finire da un’ altra parte”

PISA – Alla trasmissione de “Il Rossocrociato” di Massimo Marini, su GTV, è intervenuto telefonicamente il difensore Andrea Lisuzzo, che contro il Trapani ha indossato la fascia di capitano, facendo un pò il punto su questa giornata che ha ridato un pò di sorriso ai colori nerazzurri ed alla tifoseria pisana.

di Maurizio Ficeli

“Siamo contenti per il successo odierno, noi siamo sempre scesi in campo con l’obiettivo di vincere e questa mentalità la abbiamo sempre avuta anche quando, purtroppo, abbiamo perso. È’ vero, abbiamo preso pochi gol, però ne abbiamo fatti anche pochi. Poi ci sono state gare sfortunate, come quella di sabato scorso ad Avellino. Oggi siamo riusciti a rompere questo tabù di mancanza di vittorie battendo il Trapani e colgo anche l’occasione per ringraziare i nostri tifosi per il sostegno che ci hanno dato. Noi lottiamo anche per loro che ci danno una grande forza”.

Il giocatore palermitano da anche uno sguardo alla classifica e dice: “Questa è lo specchio di un campionato alquanto equilibrato, dove certe squadre non meritano posizioni basse di classifica, ad esempio lo stesso Trapani, che l’anno scorso disputò i playoff per andare in A perdendoli con il Pescara e che quest’anno ha 8/11 dei giocatori dello scorso campionato, inoltre quella di Mister Cosmi è una squadra ben messa in campo, infatti per noi è stata sicuramente una gara difficile, nella quale potevano esserci delle insidie, siamo partiti subito a razzo per conquistare la vittoria e ce l’abbiamo fatta. E poi direi che, a parte la traversa da parte loro, se c’era una squadra che meritava di vincere, questa era proprio il Pisa”.

Un pensiero su Nacho Varela per la prematura scomparsa del padre : “Una perdita dura, a soli 55 anni e poi Nacho era molto legato a suo padre, il quale viveva per il figlio e seguiva sempre il Pisa, è morto a Madrid, mentre stava raggiungendo il figlio a Pisa. Il modo migliore per ricordarlo è quello di aiutare Nacho soprattutto dal punto di vista psicologico, perché è un valore aggiunto per la nostra squadra. Nacho ha perduto il padre, ma qui nella squadra avrà 30 fratelli che lo coccoleranno”.

Lisuzzo conclude con uno sguardo sulle vicende societarie dicendo: “Il progetto sportivo ha un legame con Mister Gattuso, oltre che con quello che abbiamo fatto lo scorso anno. All’inizio erano stati presi alcuni giocatori che poi se ne sono andati e chi è rimasto qua ha sempre tirato la carretta. Spero vivamente che questa trattativa del passaggio di proprietà della società si concretizzi e che la società nuova che verrà dia una mano al Mister per far si che questo progetto sportivo di cui parlavo prosegua, altrimenti se non cambia nulla tale progetto rischia di finire da qualche altra parte”.

By