Anima Mundi, chiusura maestosa in Cattedrale con Sir John Eliot Gardiner

PISA – Chiusura maestosa in Cattedrale, venerdì 6 ottobre alle ore 20.30, con Sir John Eliot Gardiner alla testa dei complessi celeberrimi da lui fondati, il Monteverdi Choir e gli English Baroque Soloists.

In programma il Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi. Con questa celebrazione mariana, forse la più grandiosa e affascinante di tutta la storia della musica, si conclude Anima Mundi 2017: celebrando Monteverdi a 450 anni dalla nascita, siglando dodici anni di direzione artistica di Sir John Eliot Gardiner, che rende così omaggio a uno dei compositori che da sempre sente più suoi. E al contempo, dà avvio all’anno pastorale 2017-2018 durante il quale cadranno i 900 anni dalla consacrazione della Cattedrale di Pisa, che a Santa Maria Assunta è dedicata.

E anche per questa ultima sera, a partire dalle ore 20,00 il pubblico di Anima Mundi sarà accolto dalla fanfara della Torre pendente, come ormai è consuetudine per la rassegna pisana.
Con queste parole Gardiner racconta il suo amore per Monteverdi: “Più di qualsiasi altro compositore del primo Barocco, nella mia mente Monteverdi riassumeva tutto ciò che potesse esservi di più attraente, esotico e al tempo stesso moderno nella musica degli ultimi quattro secoli. La sua musica si imponeva all’attenzione per i suoi colori abbaglianti e per l’eloquenza appassionata con la quale si esprimeva, sia che fosse composta per la chiesa, per una dimora principesca o per il teatro. Ne divenni dipendente, nello stesso modo in cui molte persone (fra le quali io stesso) si sentono attratte dall’opera dei suoi contemporanei: Shakespeare, Donne, Rubens, Caravaggio, tutti i grandi umanisti del post-Rinascimento. Grandi artisti che vissero durante i decenni turbolenti e determinanti a cavallo tra Cinque e Seicento, contribuendo al fermento di idee che rovesciò radicalmente la vita intellettuale europea. È curioso pensare che la sua statura e le gioie con i quali la sua musica ci può ricompensare siano stati riconosciuti largamente dai suoi connazionali solo da una trentina d’anni a questa parte.”

Il progetto di solidarietà promossa dall’Arcidiocesi di Pisa-Caritas Diocesana, per questa ultima serata di Anima Mundi, è rivolto al sostegno di Casa Caritas VG33 a Pisa in via Garibaldi 33, un immobile ex opera Cardinale Maffi, già sede di diverse Opere Segno (una casa famiglia per minori sia italiani che stranieri, una casa famiglia per ragazza madre) e di diverse Associazioni e ONG. Casa Caritas VG33 vuole diventare sempre di più un luogo a vocazione sociale, una sorta di incubatore, dove si sognano, si pensano, si progettano e si sperimentano nuove prassi di welfare generativo. Una casa aperta al territorio. Un tempo e uno spazio dove incontrare i giovani e costruire con loro percorsi formativi. Una “terra di confine”, luogo di incontro e di scambio, connotato ecclesialmente, e per questo aperto ai percorsi della cura.

La Rassegna Internazionale di Musica Sacra Anima Mundi è organizzata dall’Opera della Primaziale Pisana con il contributo della Fondazione Pisa e del Comune di Pisa e con il sostegno di Gi-Group agenzia per il lavoro, e dal 2006 è affidata alla direzione artistica di Sir John Eliot Gardiner. I sette concerti in programma si alterneranno tra la Cattedrale e il Camposanto, cornici suggestive e preziose che contribuiscono a rendere Anima Mundi un appuntamento unico per il rapporto che si crea tra musica, arte e architettura.
Informazioni per l’ingresso ai concerti
I biglietti disponibili con la prenotazione online sono esauriti. Il voucher dovrà essere convertito con il regolare biglietto di ingresso presso la biglietteria Anima Mundi al Museo delle Sinopie, il giorno del concerto dalle ore 10 alle ore 20. La Segreteria Anima Mundi suggerisce vivamente di non aspettare gli ultimi minuti per non rischiare di andare oltre il tempo massimo per il ritiro dei biglietti prenotati. A partire dalle ore 20 i biglietti non ritirati verranno comunque rimessi in distribuzione per il concerto della serata solo presso la segreteria Anima Mundi.

By