Anima Mundi. Nel secondo appuntamento spazio a Kristian Bezuidenhout

PISA – Lunedì 9 settembre ore 20,30 in Camposanto secondo appuntamento con la rassegna di Musica sacra Anima Mundi. Kristian Bezuidenhout, nome di primo piano nelle esecuzioni con strumenti d’epoca, propone un viaggio nel cuore dello stile classico suonando su un fortepiano antico e prezioso musiche di Wolfgang Amadeus Mozart e Joseph Haydn, proseguendo così l’impegno a ritrovare le radici del pianoforte moderno avviato dalla rassegna pisana già nelle scorse edizioni.

Il “Gravecembalo col piano e forte”, come lo definì il dottissimo Scipione Maffei che ne aveva visto tre esemplari nel 1709, creato a Firenze dal padovano Bartolomeo Cristofori, fu via via chiamato in modi diversi, oscillando a lungo in italiano tra “fortepiano” e “pianoforte”, con o senza trattini fra i due termini, o in tedesco “Hammerklavier”, “strumento a tastiera a martelli”. Così via via diversi furono i criteri con i quali lo si costruì, prima che si stabilizzassero tanto la tipologia, almeno in linea di massima, quanto il nome, che da quasi due secoli per tutti più o meno è “pianoforte”.

Il fortepiano, e più precisamente un fortepiano corrispondente alle tipologie in uso nella seconda parte del Settecento è quindi una scelta irrinunciabile se si vogliono eseguire le musiche di Wolfgang Amadeus Mozart o Franz Joseph Haydn con prassi, stile e risultati sonori prossimi a quelli del suo tempo. Nel programma proposto da Kristian Bezuidenhout l’impiego del fortepiano aiuta a collocare i capolavori di Mozart e di Haydn sullo sfondo degli sviluppi della sensibilità espressiva che segnarono le ultime stagioni dell’Illuminismo, e anche delle trasformazioni che lo strumento aveva subito nei decenni precedenti, allontanandosi sempre più dal clavicembalo e di conseguenza condizionando la stessa scrittura dei pezzi dei quali era dedicatario.

Kristian Bezuidenhout è considerato uno dei maggiori e interessanti interpreti di strumenti a tastiera, è ugualmente a suo agio su fortepiano, clavicembalo e pianoforte moderno. Nato in Sud Africa nel 1979, ha iniziato i suoi studi in Australia, completandoli poi alla Eastman School of Music di New York, e ora vive a Londra. Dopo l’iniziale formazione come pianista con Rebecca Penneys, ha iniziato a esplorare le tastiere antiche studiando clavicembalo con Arthur Haas, fortepiano con Malcolm Bilson, e basso continuo prassi esecutiva con Paul O’Dette. Ha conquistato riconoscimento internazionale a ventuno anni vincendo il prestigioso premio e menzione del pubblico al concorso fortepianistico di Bruges. È direttore artistico del Freiburger Barockorchester e direttore ospite principale dell’English Concert ed è regolarmente invitato a dirigere ensemble di rango internazionale.

Il pubblico di Anima Mundi avrà la possibilità di sostenere, attraverso libere offerte, il progetto dell’Arcidiocesi di Pisa-Caritas Diocesana, Docce dei poveriL’igiene personale è un bisogno essenziale dell’essere umano e il “servizio docce” della Caritas diocesana di Pisa è in città l’unica possibilità di prendersi cura di sé per molte delle persone “senza diritti”. Un servizio nel quale vengono offerte oltre alla doccia anche la possibilità di radersi e un kit di biancheria intima pulita.

L’ingresso ai concerti è gratuito con biglietto. I biglietti disponibili con la prenotazione online sono esauriti. Il voucher dovrà essere convertito con il regolare biglietto di ingresso presso la biglietteria Anima Mundi al Museo delle Sinopie, il giorno del concerto dalle ore 10 alle ore 19.30. A partire dalle ore 19.30 di ogni giorno di concerto i biglietti non ritirati verranno rimessi in distribuzione per il concerto della serata solo presso la segreteria Anima Mundi.

By