Anima Mundi Solidale, i progetti di solidarietà legati alla Rassegna di Musica Sacra

PISA – In occasione della XVII edizione di Anima Mundi, torna per il secondo anno il progetto di solidarietà e assistenza sul territorio dell’Arcidiocesi di Pisa-Caritas Diocesana: attraverso libere offerte, il pubblico di Anima Mundi potrà sostenere ogni sera un’iniziativa diversa.

Il 14 settembre, Misericordia tua: è una casa a “dimensione familiare” nella quale saranno accolte persone ex detenute e/o detenuti ammessi a misure alternative che abbiano intrapreso e desiderino portare a compimento un percorso di recupero della propria dignità. Aiutati da educatori, volontari e da una comunità religiosa sperimenteranno la bellezza del reinserimento nel tessuto vivo della società civile.

Il 16 settembre, Mense dei poveri: Più di 30mila pasti all’anno. Più di 1500 persone diverse incontrate. Sono i numeri di una povertà radicale, segno concreto che ci sono persone nel nostro territorio che non hanno neppure l’essenziale per sopravvivere. Le tre mense dei poveri della città di Pisa, San Francesco, Santo Stefano e Cottolengo, coordinate dalla Caritas diocesana sono la prima risposta concreta alla domanda “aiutami a sopravvivere” che incontriamo al Centro d’Ascolto. Un servizio totalmente a carico della comunità ecclesiale che ci permette di farci prossimi alla vita resa ultima e risponde all’invito di Gesù “date loro VOI STESSI da mangiare”.
Il 20 settembre, Dispensario dei semplici: si tratta di un ambulatorio gratuito di farmaci convenzionali e rimedi omeopatici per persone svantaggiate incontrate dalla rete dei servizi (centri d’ascolto, progetto homeless) che il terzo settore e il volontariato hanno attivato a Pisa. Situato nell’ex convento dei Cappuccini in san Giusto, luogo significativo riconsegnato alla città, ha l’obiettivo di recuperare e riutilizzare i farmaci che la generosità delle persone sottrae allo spreco e reimmette nel circuito della solidarietà e di raccogliere donazioni di farmaci da banco. Gestito da farmacisti e medici volontari si propone di sostenere il bisogno di cura.
Il 23 settembre, Docce dei poveri: 1575 le persone che nel 2015 hanno usufruito di questo servizio. L’igiene personale è un bisogno essenziale dell’essere umano e il “servizio docce” della Caritas diocesana di Pisa è in città l’unica possibilità di prendersi cura di sé per molte delle persone “senza diritti”. Un servizio nel quale vengono offerte oltre alla doccia anche la possibilità di radersi e un kit di biancheria intima pulita.

Il 28 settembre, Cittadella della Solidarietà: è l’emporio di generi alimentari e non che la Caritas diocesana di Pisa ha promosso e gestisce totalmente con risorse proprie per rispondere alla domanda di sostegno sempre crescente delle famiglie impoverite dalla crisi. Un “piccolo mercato”, dove tutto ha un valore ma niente ha un prezzo, che offre un sostegno indiretto al reddito, è capace di recuperare, sottraendolo allo “spreco” e di redistribuire nel circuito della solidarietà tutto quello che, ancora integro, sarebbe andato distrutto, ma soprattutto è un tempo e uno spazio dove ci si educa, ospiti e volontari, alla cultura del dono di sé.
Il 29 settembre, San Paolo a Ripa d’Arno: la chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno si erge da secoli in prossimità del fiume Arno. Costituisce una prova tangibile dell’incontro dei linguaggi che in epoca medievale dominavano il Mediterraneo, il bizantino e l’islamico e nella decorazione scultorea della facciata ci sono forti assonanze con il linguaggio artistico del cantiere della Cattedrale. Una storia millenaria che in questi anni si arricchisce con l’importante capitolo dei restauri, resi necessari dai dissesti strutturali registrati a partire dal 2012. Nel cantiere, aperto dal febbraio del 2016, si susseguono gli interventi strutturali, il consolidamento delle pareti, i lavori alle coperture e alla cupola, tutto per poter restituire nel 2018 la chiesa ai fedeli e ai cittadini.
Infine, per l’ultimo concerto, il 6 ottobre, Casa Caritas VG33: la Casa Caritas a Pisa in via Garibaldi 33, è un immobile ex opera Cardinale Maffi, già sede di diverse Opere Segno (una casa famiglia per minori sia italiani che stranieri, una casa famiglia per ragazza madre) e di diverse Associazioni e ONG; vuole diventare sempre di più un luogo a vocazione sociale, una sorta di incubatore, dove si sognano, si pensano, si progettano e si sperimentano nuove prassi di welfare generativo. Una casa aperta al territorio. Un tempo e uno spazio dove incontrare i giovani e costruire con loro percorsi formativi. Una “terra di confine”, luogo di incontro e di scambio, connotato ecclesialmente, e per questo aperto ai percorsi della cura.

Anima Mundi, rassegna Internazionale di Musica Sacra si terrà a Pisa dal 14 settembre al 6 ottobre 2017. Giunta alla XVII edizione, è organizzata dall’Opera della Primaziale Pisana con il contributo della Fondazione Pisa e del Comune di Pisa e con il sostegno di Gi-Group agenzia per il lavoro, e dal 2006 è affidata alla direzione artistica di Sir John Eliot Gardiner. I sette concerti in programma, anche quest’anno ad ingresso gratuito, si alterneranno tra la Cattedrale e il Camposanto, cornici suggestive e preziose che contribuiscono a rendere Anima Mundi un appuntamento unico per il rapporto che si crea tra musica, arte e architettura.

Biglietteria e Segreteria Organizzativa Anima Mundi
Opera della Primaziale Pisana c/o Museo delle Sinopie Piazza Duomo-Pisa
www.opapisa.it
animamundi@opapisa.it

aperta dal lunedì al sabato dall’8 settembre al 6 ottobre
orario continuato dalle ore 9 alle ore 18
nei giorni di concerto dalle ore 9 alle ore 20.30 (il 29 settembre alle ore 21.00)

By